Rischio infezioni all’Ospedale di Colleferro. Il dott. Maurizio Monaldo smentisce: «Non ho mai parlato con Barbona. Non lo conosco!»

Nola FerramentaNola Ferramenta

Colleferro-Ospedale-Leopoldo-Parodi-Delfino-06-f

COLLEFERRO (RM) – Non sembra concludersi la vicenda relativa agli effetti del comunicato stampa da noi ricevuto e pubblicato il giorno 23 Marzo scorso dal titolo “Rischio infezioni al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Colleferro? Aldo Barbona (M5S) invoca l’intervento del Sindaco Pierluigi Sanna” (•>).
A seguito di quel comunicato stampa, abbiamo doverosamente pubblicato la risposta della Asl (24 Marzo): “La Asl Rm 5 replica ad Aldo Barbona (M5S): «Nessuna emergenza all’Ospedale di Colleferro, solo travisamento dei fatti» (•>).

Nella mattinata di oggi, 25 Marzo, ci sono giunte in redazione la precisazione dell’estensore del primo comunicato, (Aldo Barbona – “Rischio infezioni all’Ospedale di Colleferro. Aldo Barbona (M5S): «La smentita che non smentisce è una notizia data due volte…». Ecco le prove” (•>)), ed una lettera co-sottoscritta dal dott. Monaldo e dal suo avvocato che “invitava a provvedere immediatamente alla rettifica di quanto dichiarato” nel primo comunicato stampa.

Evidenziamo il fatto che in quest’ultima lettera, gli estensori la inviano anche ad Aldo Barbona “presso la redazione di Cronache Cittadine”.
Vorremmo chiarire che Aldo Barbona non ha “eletto domicilio” presso la nostra redazione e che l’implicita richiesta di inoltro all’interessato, da parte nostra, è una pura forma di cortesia (non richiesta) che di nostra iniziativa abbiamo usato nei confronti dei mittenti.

Al di là dei motivi e/o delle eventuali responsabilità un paio di cose ci sembrano particolarmente importanti e da rilevare:
1. Il problema è stato risolto e quindi è stato scongiurato qualsiasi rischio.
2. Riportando un passaggio dell’ultima nota di Aldo Barbona: «Che il caso si fosse “risolto” e dopo una pubblica e puntuale informazione giornalistica è ben lontano dall’assunto aziendale che il problema non fosse mai sussistito».

Giulio Iannone

Di seguito il testo della lettera sottoscritta dal dott. Monaldo e dal suo avvocato.

«In nome e per conto del dott. Maurizio Monaldo, Primario del Laboratorio di Analisi chimico‑cliniche dell’Ospedale di Colleferro, che sottoscrive la presente per accettazione e ratifica, vi invito a provvedere immediatamente alla rettifica di quanto dichiarato nell’articolo “Rischio infezioni al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Colleferro? Aldo Barbona (MSS) invoca l’intervento del Sindaco Pierluigi Sanna” scritto dal candidato 5 stelle Aldo Barbona e da voi pubblicato in data 23 marzo 2016 sulla testata giornalistica “Cronache Cittadine”, nella parte in cui afferma che “Il primario del Laboratorio di Analisi Cliniche di Colleferro invita a dare diffusione al problema in cui si trova“, in quanto il dott. Monaldo non ha mai interloquito con il sig. Barbona, né in merito a quanto contenuto nell’articolo né in merito ad altri argomenti, non avendo mai avuto il piacere di conoscerlo.
In difetto, il mio assistito si riserva di rivolgersi alle competenti Autorità
Giudiziarie anche per iI risarcimento del danno.
Distinti saluti».

F.to Avv. Carla Piccioni, Dott. Maurizio Monaldo

lettera-avvocato-monaldo-pub

 

Potrebbero interessarti anche...

Top