Traffico di farmaci dopanti. Operazione “Easy Muscles” dei Carabinieri. Nel Lazio un arresto ad Artena, perquisizioni e indagati a Roma, Civitavecchia ed in Provincia di Latina

Nola FerramentaNola Ferramenta

Con l’Operazione denominata “Easy Muscles”, i Nas di Ancona e i Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, nella giornata di ieri, 30 Gennaio, hanno disarticolato un giro d’affari stimato in mezzo milione di euro l’anno, fondato sul commercio illegale di farmaci dopanti provenienti dall’Est Europa.

L’operazione ha consentito di individuare una rete composta da decine di soggetti italiani, ritenuti, a vario titolo, responsabili di ricettazione, utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti, nonché importazione illegale e vendita di medicinali al pubblico a distanza mediante i servizi della società dell’informazione senza autorizzazione.

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it

L’indagine, iniziata nel 2018 nelle Marche, si è presto allargata a tutta Italia (14 Regioni e 30 Province), Lazio compreso, consentendo di individuare decine di persone, atleti di varie discipline sportive e frequentatori di palestre, avvezzi all’acquisto e alla commercializzazione di farmaci ad effetto dopante.
Quelle sostanze venivano acquistate nell’est Europa (Bulgaria e Polonia) e poi rivendute tramite social network. Una volta raggiunto l’accordo, secondo quanto riferiscono fonti investigative, i farmaci venivano spediti a consumatori e rivenditori al dettaglio tramite corriere, in un sistema di acquisto e rivendita completamente al di fuori del mercato legale.

Nell’indagine, iniziata ad Ascoli e coordinata dalla Procura di Ancona, sono coinvolte a livello nazionale 55 persone. Di queste, due sono della Provincia di Latina e quattro sono della provincia di Roma: due di Artena (uno dei quali è stato arrestato), una di Roma ed una di Civitavecchia. Nel complesso è stato fatto un solo arresto e sembra che l’artenese finito in carcere fosse il fulcro dell’intero traffico illegale di farmaci dopanti.

In particolare ad Artena, durante la perquisizione domiciliare, eseguita col supporto dei militari di Artena e Colleferro, ad un 30enne artenese è stata trovata una rilevante quantità di farmaci dopanti e soprattutto di nandrolone, una sostanza inserita nella tabella degli stupefacenti, che ha fatto scattare l’arresto.
Sembrerebbe che l’artenese finito in carcere avesse un ruolo importante in questo commercio illegale di farmaci dopanti.

A Monte San Biagio un 30enne è stato denunciato, secondo i carabinieri era un assiduo acquirente dei farmaci che sono finiti al centro dell’inchiesta.
A Santi Cosma e Damiano è stato indagato un 40enne frequentatore di palestre, entrambi devono rispondere del reato di ricettazione.

L’impegno, sviluppato dagli investigatori dell’Arma anche con attività tecniche, ha consentito complessivamente di:

  • ricostruire i ruoli e le funzioni degli indagati, residenti oltre che in provincia di Roma e Latina, in altre 28 distinte province ed impegnati, con una struttura reticolare, a proporre tramite vari social in tutto il territorio nazionale, sia a consumatori che a rivenditori al dettaglio, ingenti quantitativi di farmaci ad effetto dopante;
  • accertare che i soggetti importassero illecitamente i dopanti dalla Bulgaria e dalla Polonia, per poi rivenderli in tutta Italia attraverso la fitta rete dei coindagati;
  • quantificare, anche attraverso l’analisi di conti correnti, le transazioni avvenute sulle carte di pagamento e le spedizioni postali, un giro d’affari stimato in oltre 500mila euro annui;
  • riscontrare l’utilizzo di ricette mediche falsificate, da parte di alcuni indagati, al fine di approvvigionare ulteriori prodotti, provenienti dal circuito regolare nazionale;
  • sequestrare, nel corso di 55 mirate perquisizioni disposte dalla Procura di Ascoli Piceno in 30 province (Ascoli Piceno, Bari, Barletta-Andria-Trani , Brescia, Cagliari, Cremona, Ferrara, Foggia, Latina, Lodi, Lucca, Massa Carrara, Messina, Milano, Padova, Parma, Perugia, Pesaro-Urbino, Reggio Calabria, Roma, Savona, Siracusa, Taranto, Terni, Torino, Trapani, Treviso, Trieste, Varese e Viterbo), migliaia di confezioni di farmaci ad effetto dopante, tra cui nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top