Torvaianica. 50enne di origini russe dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, esce per una passeggiata sulla battigia e annega

Nola FerramentaNola Ferramenta

TORVAIANICA – Poco prima della mezzanotte del 26 Luglio il corpo senza vita di una donna è stato ritrovato in mare sul lungomare delle Sirene, all’altezza dello stabilimento Acqua e Sale.

A ritrovare il corpo della donna ed a dare l’allarme al 112 sono stati alcuni passanti.
Sul luogo del rinvenimento è intervenuto il personale sanitario del 118 che ha tentato invano di rianimare la donna per poi accertarne definitivamente la morte.

Sul posto sono giunti anche i Carabinieri della Stazione di Torvajanica e del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Pomezia, i quali hanno tentato di ricostruire quanto accaduto.

Dopo aver identificato la vittima – una donna di origini russe di 50 anni da tempo residente sul posto – i Carabinieri si sono recati presso la sua abitazione, dove il figlio riferiva di aver visto la madre uscire di casa intorno alle 22,30, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, affermando che sarebbe andata a fare una passeggiata sul lungomare.

Verosimilmente, una volta in spiaggia, la donna avrebbe deciso di fare un bagno.
A causa forse di un malore, la donna è morta per annegamento come verificato dal medico legale intervenuto sul luogo della tragedia che non ha riscontrato segni di violenza.

Mentre i Carabinieri proseguono le indagini per chiarire del tutto la dinamica degli eventi, sulla salma della povera donna la Procura ha disposto l’esame autoptico che potrà confermare le cause della morte.