Segni. Si è spento improvvisamente all’età di 73 anni, il prof. Alfredo Serangeli, Direttore dell’Archivio Diocesano “Innocenzo III”

Nola FerramentaNola Ferramenta

SEGNI – Si è spento improvvisamente, all’età di 73 anni, il prof. Alfredo Serangeli, direttore storico dell’Archivio Diocesano “Innocenzo III” di Segni.

Una notizia triste che ha sconvolto il mondo culturale dell’intera Valle del Sacco e ben oltre.

Il prof. Alfredo Serangeli era un Ricercatore, con la “R” maiuscola.Un termine che gli va stretto ma che sintetizza soprattutto i concetti di meticolosità, di passione, di curiosità che lo caratterizzavano.
E dalle sue curiosità sono venute fuori alcune scoperte di assoluta grandezza per il nostro territorio ed anche ben oltre confine, oltreché iniziative culturali di estremo interesse.

Segni, Artena, Labico, Valmontone ed in qualche modo tutta la valle, devono molto alla sua opera.
In più occasioni abbiamo avuto modo di raccontarne le scoperte e le iniziative che hanno contribuito a creare una coscienza antica nelle comunità locali che non l’avevano.

Da Direttore dell’Archivio Diocesano “Innocenzo III” di Segni, fu proprio lui, insieme allo storico dell’arte Luca Calenne, a scoprire che un incunabolo del 1491 – custodito nell’Archivio Diocesano “Innocenzo III” – conteneva una postilla che ha cambiato la data del ritrovamento del Laocoonte, che è la data da cui si fa decorrere anche la nascita dei Musei Vaticani.

Fu promotore e sostenitore del progetto “Le Terre dei Conti”, che mirava a costruire le basi per realizzare un brand culturale che caratterizzasse il territorio, e che fu presentato a Valmontone in un apposito convegno, ed in una mostra a Colleferro.

A Labico fu relatore in due occasioni: per la presentazione della monografia firmata dal professor Ronald T. Ridley (University of Melbourne) sul Ficoroni, storico e antiquario di Labico e sul primo Statuto donato alla comunità di Lugnano (Labico) dalla Contessa Fulvia Conti Sforza di Santa Flora, ad opera di Ruggero Mariani.

Alfredo Serangeli ha anche curato il volume “Della Terra di Montefortino feudo dell’Ecc.ma Casa Borghese – Il “notaro pubblico” Sefano Serangeli storico e letterato (1654-1730)” che, con i suoi scritti, ha fornito dati di estrema importanza sulle presenze archeologiche e monumentali nel territorio di Montefortino (Artena) e nelle aree limitrofe.

Persona mite, gentile, disponibile. Si accendeva quando il suo interlocutore mostrava interesse per le sue ricerche.

Una grande perdita per tutto il territorio.

Le esequie avranno luogo Martedì 15 Settembre alle ore 11,30, nella Chiesa di San Giuseppe, Loc. Squarciarelli a Grottaferrata.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top