Roma. Giornata dei migranti, “Una Specie. Nessuna Razza” il messaggio di “QuestaèRoma”

Nola FerramentaNola Ferramenta
Roma. Giornata dei migranti, “QuestaèRoma” lancia il suo messaggio contro ogni forma di discriminazione (foto di Giuseppe Chiantara)
Roma. Giornata dei migranti, “QuestaèRoma” lancia il suo messaggio contro ogni forma di discriminazione (foto di Giuseppe Chiantara)


ROMA
– In occasione del 18 dicembre, Giornata di azione globale contro il razzismo e per i diritti dei migranti, l’Associazione Culturale e Sportiva “QuestaèRoma” lancia il suo messaggio contro ogni forma di discriminazione e razzismo.

«“UNA SPECIE. NESSUNA RAZZA” è lo slogan che abbiamo scelto – hanno dichiarato i ragazzi dell’associazione – per denunciare i recenti avvenimenti di cronaca legati ai temi dell’accoglienza e dell’inserimento sociale. Uno slogan semplice ed elementare, ma che va sempre ricordato. Infatti questo messaggio, per noi di QuestaèRoma, non si riferisce solamente alla giornata di oggi, ma racchiude in pieno la nostra politica d’azione che condividiamo quotidianamente con la nostra città. In seguito agli episodi razzisti subìti dai cittadini bengalesi a Roma – sottolineano ancora gli attivisti – vittime del cosiddetto ‘banglatour’, riteniamo indispensabile lanciare, non solo un messaggio di solidarietà, ma crediamo inoltre sia necessario sollecitare le istituzioni locali e la società civile a promuovere politiche ed iniziative verso un nuovo modello sociale ed interculturale».

«Anche noi di “QuestaèRoma”, nella Giornata dei migranti, ci uniamo al coro di denuncia e sdegno in merito al vergognoso sistema di accoglienza riservato ai migranti del centro di Lampedusa. Auspichiamo che le autorità provvedano immediatamente a individuare e sanzionare chi ha potuto effettuare maltrattamenti riconducibili ai lager. Dopo queste immagini e le recenti stragi del Mediterraneo, è sempre più evidente l’urgenza di ridisegnare la legislazione in merito di accoglienza. Per un sistema adeguato e nel rispetto della dignità di tutti i migranti che scelgono l’Italia per costruire il loro futuro».