Roma. Casal Palocco. Armati di pistola rapinano un negozio di casalinghi. Dopo un rocambolesco inseguimento i Carabinieri arrestano un 30enne ed un 53enne

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROMA – Attimi di concitazione si sono vissuti nel pomeriggio di ieri, 19 Luglio, tra la Via del Mare e Casal Palocco, dove, in pochi minuti, sono andati in scena, una rapina ai danni di un negozio di casalinghi da parte di due persone armate di pistola e il rocambolesco inseguimento dei presunti autori che hanno tentato di forzare il dispositivo anti-rapina messo in atto dai Carabinieri.

Alla fine due uomini di 30 e 53 anni sono stati arrestati con coordinamento della Procura della Repubblica di Roma, gravemente indiziati di essere gli autori della rapina.

I Carabinieri della Compagnia di Ostia, avuta notizia del colpo avvenuto in Via Ostiense, hanno allestito, in brevissimo tempo, una serie di posti di blocco e di controllo in tutte le possibili vie di fuga dei malviventi: poco dopo, due persone a bordo di uno scooter, hanno tentato di forzare uno dei posti di controllo nella zona di Casal Palocco ed è scattato l’inseguimento.

I fuggitivi hanno perso il controllo del veicolo e sono scivolati a terra, senza riportare conseguenze gravi, e a quel punto i Carabinieri li hanno raggiunti e li hanno fermati, trovandoli in possesso di una pistola scacciacani e 415 euro in contanti, provento della rapina messa a segno pochi minuti prima.

Anche lo scooter su cui stavano viaggiando è risultato rubato lo scorso mese di giugno.

I due indagati, dopo le cure del caso prestate dai sanitari dell’Ospedale “Grassi”, sono stati arrestati con le accuse di rapina a mano armata in concorso, ricettazione e porto abusivo di armi e sono stati trasferiti nel carcere di Regina Coeli, dove gli arresti sono stati convalidati.

Comunicato pubblicato ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti della/e persona/e indagata/e (la/le quale/i, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è/sono da presumersi innocente/i fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza).