Fumone. Spacciava cocaina anche agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. 41enne romeno arrestato dai Carabinieri

Nola FerramentaNola Ferramenta

FUMONE – Nel pomeriggio del 15 Giugno scorso, a Fumone, i militari del Norm della Compagnia Carabinieri di Alatri traevano in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 41enne di origini romene detenuto agli arresti domiciliari per lo stesso reato.

Nello specifico i militari, a seguito di segnalazione di allarme del braccialetto elettronico del detenuto, intervenivano prontamente presso la sua abitazione di Fumone per verificarne la presenza in casa.

Giunti sul posto ed accertato che si era trattato di un malfunzionamento del dispositivo, notavano sul tavolo della cucina una busta di plastica forata in più punti, del tipo solitamente usato per confezionare sostanze stupefacenti.

Insospettiti dalla situazione, i militari procedevano ad una perquisizione personale e domiciliare, al termine della quale rinvenivano, nascosti all’interno della canna fumaria del termocamino, tre dosi di stupefacente tipo cocaina per complessivi 61 grammi, un bilancino di precisione e dell’amido di mais usato per il taglio della droga, il tutto sottoposto a sequestro.

Al termine delle formalità di rito, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria, l’arrestato veniva trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Stazione di Alatri per poi essere associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

Dopo la convalida dell’arresto, il Giudice disponeva la misura della custodia cautelare in carcere, dove il 41enne dovrà rimanere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Comunicato pubblicato ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti della/e persona/e indagata/e (la/le quale/i, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è/sono da presumersi innocente/i fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza).