Elezioni Europee ed Amministrative 2024Elezioni Europee ed Amministrative 2024

Colleferro. Si è spento, all’età di 93 anni, Agostino Bentivoglio un pezzo di storia della Democrazia Cristiana

Nola Ferramenta outfitNola Ferramenta outfit

COLLEFERRO – Nel tardo pomeriggio dello scorso Lunedì 15 Aprile si è spento, dopo una breve malattia, all’età di 93 anni, Agostino Bentivoglio. Le esequie si si sono svolte Mercoledì 17 e le sue ceneri ora riposano a Castelnuovo di Porto.

Farmacia Comunale Colleferro ScaloFarmacia Comunale Colleferro Scalo

Agostino Bentivoglio, pezzo di storia della Democrazia Cristiana, per amore si era trasferito a Colleferro, sposato con Elisabetta Cappella. 
Quattro anni fa pubblicammo un articolo, qui su CronacheCittadine.it, per celebrare il loro 60° Anniversario di matrimonio, unione dalla quale è nato Danilo. È morto presso la Clinica Ini Medicus di Tivoli.

Ci piace ricordarlo con le parole usate da Luigia Fagnani – Consigliera comunale di Colleferro – e da Riccardo Travaglini – Sindaco di Castelnuovo di Porto – nei loro post pubblicati sui social.

Ecoerre-Poliambulatorio_SpecialisticoEcoerre-Poliambulatorio_Specialistico

«…dopo una breve malattia – scrive Luigia Fagnani – ci ha lasciato il caro amico Agostino Bentivoglio, un altro pezzo di storia della Democrazia Cristiana.

Se ne è andato in punta di piedi, con discrezione e serenamente aveva affrontato la sua grave malattia.

Caro Agostino, quanti ricordi e quante battaglie politiche! I consigli che ci hai sempre dato fino ad oggi con la tua onestà di uomo politico per ciò in cui credevi e per il tuo contributo prezioso per tutto il territorio.
La comunità di Castelnuovo di Porto ti sta aspettando per renderti onore e tu potrai riposare in pace vicino ai tuoi genitori.
Ritorni a casa come è stato tuo desiderio, ma a Colleferro lasci un segno indelebile nel nostro cuore.

Sono molto vicina al caro amico Danilo che ha speso tutte le sue energie con amore di figlio nel corso di questa breve malattia; e alla famiglia tutta un forte abbraccio.
Ciao Agostino grande amico Democristiano».

Così il Sindaco di Castelnuovo di Porto, Riccardo Travaglini, in un post sui social e nel discorso di ultimo saluto.
«Voglio ricordarti così, in una giornata passata a ripercorrere i tempi della gloriosa DC. Quel giorno, come sempre, sei stato un fiume in piena; abbiamo parlato ore per come migliorare la tua Castelnuovo.
Con te se ne va un pezzo della politica castelnovese, un uomo che non ha mai dimenticato le sue origini che mi ha sempre consigliato cosa fare nei momenti più difficili.

Buon viaggio caro Agostino, ti aspettiamo per l’ultimo saluto e sono sicuro che ci sarà una comunità ad abbracciarti.
Le mie più sentite condoglianze a Danilo e a tutta la tua famiglia.
Ciao Casternovese!».

«Cari amici e cari familiari,
Ci troviamo qui oggi per dare l’ultimo saluto ad Agostino. Ma Chi non ha conosciuto Agostino?
Un castelnovese, nato e vissuto nel centro storico, tra le vie di questo borgo che ottanta anni fa non era silenzioso come oggi, ma ricco di profumi, di bambini per le strade, di schiamazzi e di vita, ma anche con tanta povertà.
Un castelnovese che, per amore aveva scelto di vivere a Colleferro, senza però mai dimenticare le sue umili origini e senza mai dimenticare il paese ed i paesani che l’avevano visto crescere.
Due date di Castelnuovo erano per lui sacre: la festa di Sant’Antonino e le elezioni comunali. La prima perché come sapete tutti, Agostino era il priore della confraternita, e la seconda, ossia le elezioni comunali, perché la politica lui l’aveva nel sangue.

Agostino è stato un uomo che ha vissuto tutta la sua vita con la ferma convinzione dell’importanza dei valori della Democrazia Cristiana, che ha sempre cercato di guidare con saggezza e integrità, iniziando da giovane con l’impegno nell’azione cattolica.
Agostino era noto a tutti noi per il suo impegno instancabile verso il bene comune. La sua carriera politica non era solo un lavoro, ma una vera passione, alimentata da un profondo amore per la nostra comunità. La sua visione politica era chiara, radicata in quei valori di giustizia, e umanità che la Democrazia Cristiana ha sempre promosso.

La sua dedizione non si limitava alle grandi scene politiche, ma si estendeva casa per casa, incontrando i cittadini, ascoltando le loro storie e lavorando concretamente per migliorare le condizioni di vita nel nostra comunità. Questo approccio personale ha reso Agostino non solo un politico, ma un vero amico e vicino per molti di noi…
Le sue argomentazioni erano sempre supportate da una profonda conoscenza dei bisogni della comunità. Agostino non si è mai tirato indietro dal difendere ciò in cui credeva, anche quando significava stare solo contro molti. Ma, più di ogni cosa, era la sua capacità di ascoltare, di dare voce a chi non ne aveva, che lo ha reso tanto speciale.

Oggi, mentre ci addoloriamo per la sua scomparsa, riflettiamo anche su quello che ci ha lasciato. Il miglior modo per onorare Agostino è continuare il suo lavoro, ispirarci ai suoi ideali e lottare per una comunità che valorizza la dignità e il rispetto reciproco, proprio come lui ha sempre fatto.
Mi diceva sempre Cano’ (ossia canonico, il soprannome di mio padre), ascolta tutti, non potrai risolvere i problemi di ogni persona, però dimostrare vicinanza è necessario. Le persone si sentono più sicure e rappresentate ed ogni essere umano merita rispetto ed ascolto. Non sto qui a raccontarvi i giorni che precedevano le elezioni. In quelle ore era una macchina da guerra. Mi chiamava più lui che mia madre. E se non era lui, era Danilo, suo figlio, che gli è stato accanto, passo passo, nella sua vita: voleva accertarsi che avessi sentito tutti, ma soprattutto voleva sentire come stavo e credetemi non è cosa scontata per chi fa politica, quasi nessuno ti chiede come stai, ma lui si.

Ecco, in questo giorno di lutto, uniamoci nel ricordo di un uomo che ha dato tanto a tanti, e che continuerà a vivere nei cuori di coloro che ha toccato. Concludiamo questo momento di commemorazione riflettendo non solo su ciò che abbiamo perso, ma anche su ciò che abbiamo guadagnato attraverso la sua presenza tra noi. La sua eredità continuerà a guidarci come faro di principi e integrità.
Che il ricordo di Agostino Bentivoglio ci ispiri tutti a cercare la giustizia e a perseguire il bene comune con la stessa passione e dedizione che lui ha mostrato durante la sua vita. Riposa in pace, caro amico, e grazie per tutto ciò che hai fatto per noi.
Le mie più sentite condoglianze a Danilo e alla sua famiglia, alla confraternita di Sant’ Antonino e a tutta la comunità».