Colleferro. Progetto “Arti e Mestieri, libero il mio genio creativo” all’Ipia. L’epilogo ed i nomi di tutti i premiati

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon) – Nella mattinata di Sabato 29 Maggio, si è svolta, presso l’Aula Magna dell’Ipta Paolo Parodi Delfino di Colleferro, la cerimonia di premiazione del Progetto “Arti e Mestieri, libero il mio genio creativo”.

Al progetto hanno aderito gli studenti delle tre sedi dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Via Gramsci” – Valmontone: Itc E. Gigli di Valmontone, Itcg P.L. Nervi di Segni e Ipia Parodi Delfino di Colleferro.

Giunto alla sua IV edizione, il progetto ha sempre affrontato problematiche di attualità del mondo giovanile, dalla diversità all’in-differenza, e quest’anno gli studenti hanno affrontato il tema “Ripensare il tempo e lo spazio”: stiamo tutti vivendo un momento del tutto imprevedibile e drammatico che ci coinvolge come individui, ma anche come collettività; un lungo momento che ci ha costretto a ripensare il nostro mondo e il nostro modo di vivere ed abbiamo dovuto e dobbiamo mettere in gioco le nostre energie, le nostre fragilità, la nostra immaginazione.

Il coronavirus ci ha infatti messo di fronte ad un tempo sospeso, vivendo un’esperienza di un vissuto quotidiano con la percezione di un tempo quasi immobile, facendoci vivere sensazioni di un presente nel quale difficilmente ci riconosciamo e che ha indubbiamente provocato inquietudini ed incertezze.

La Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Benedetti, nel suo breve intervento di apertura e di benvenuto ai presenti, ha espresso piena soddisfazione per questo incontro in presenza che segna un momento di grande emozione e speranza di ripresa per le attività scolastiche dopo il periodo di didattica a distanza.
Ha poi rivolto un sentito ringraziamento alle autorità intervenute: l’Ass. Diana Stanzani per il Comune di Colleferro, l’Ass. Silvia Pucello per il Comune di Segni e la Consigliera con delega alla P.I. Laura Mujic per il Comune di Valmontone.

La cerimonia di premiazione è stata preceduta da una breve storia del concorso e della sua importanza per gli studenti, – a cura di Massimiliano Santucci – i quali, soprattutto in questo anno di distanziamento, hanno potuto confrontarsi e scambiarsi idee per lo sviluppo di elaborati sia umanistici che tecnici, rinsaldando il loro essere classe.

Per la Sezione Poesia, con consegna premi a cura della Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Benedetti e dell’Ass. Diana Stanzani, sono risultati vincitori:

  • Primo Premio: Necci Lorenzo con la poesia Tempo;
  • Secondo Premio: Montagnese Sofia, Caro tempo … Caro spazio
  • Terzo Premio ex aequo: Hera Emanuela, A quei momenti lì: dedica, Menichelli Valentina, Futuro incerto, Pistilli Marianna, Tempo = spensieratezza?, Ramacci Cristian, Non smettere di stupirti.

Per la sezione Arte Grafica, con consegna premi a cura della Dirigente Scolastica, sono risultati vincitori:

  • Primo Premio: Vincenzi Caterina per Abbracci negati
  • Secondo Premio: Pizzuti Giulia per La libertà
  • Terzo premio: Buttinelli Francesco per Prospettiva

Per la Sezione Video Sezione Video, con consegna premi a cura della Cons. Laura Mujic

  • Primo Premio: Ailoae Eduard, Boncu Fabrizio, Guidi Emanuele, Taggi Filippo, Tavani Nicolò per La storia di Alessandro
  • Secondo Premio: Bonanni Aurora per Resilienza
  • Terzo Premio: Colavecchi Elisa per Riflessioni libere

Per la Sezione Manufatti, consegna premi a cura dell’Ass. Silvia Pucello

  • Primo Premio: “È tempo di una mobilità diversa”, realizzato dagli studenti Fiore Gianmarco, Talone Daniele, Pace Valerio, Rischiatelli Andrea, Burgio Rosario, Fumini Alessio, Proietto Patrick, Borgia Alessio, Ciani Simone, D’Annibale Kevin, Ipate Sebastian, Magistri Nicolas, Moretti John, Palombi Cristian, Palombi Ronny.
  • Secondo Premio: “Due panchine per avere più tempo”, realizzato dagli studenti Liberti Davide, Latini Samuel, Giovannetti Sergio, Pontecorvo Valerio,Vinci Alessio, Tranquilli Matteo, Morelli Matteo, Noro Andrea, Noro Giuseppe, Fronteddu Tiziano.

Entrambi i manufatti sono stati realizzati con materiali di recupero, per il Go-kart si è utilizzato: per la parte elettrica il motore a due velocità di una vecchia lavatrice, una batteria di recupero da un furgone, un inverter per la conversione da corrente continua a 12V ad alternata a 230V, il tutto gestito da un impianto pensato e realizzato dagli studenti in logica cablata per la gestione delle due velocità del motore. Il kart ha la pedalata assistita dallo stesso motore.
La parte meccanica è stata realizzata cannibalizzando un vecchio quad a motore endotermico.

Per le panchine, gli studenti sono partiti dallo sviluppo di un progetto e schema tecnico per poi procedere alla realizzazione del manufatto, utilizzando pedane in legno (pallet).

Nel corso della manifestazione sono stati proiettati video di canto, musica, sport e danza, che hanno visto protagonisti: Emanuela Brocca per il canto, Daniele Pintore al clarinetto, Tranquilli Matteo, Bruni Alessandro, Noro Giuseppe nel video “Spazio allo Sport”, Marianna Pistilli e Riccardo Gori per il ballo.
Bellissima la poesia del Prof. Antonino Biondo a conclusione dell’evento.

Hanno coordinato la manifestazione le Prof.sse Alberta Tummolo e Emilia Marconcini, coadiuvate dallo Staff studenti, mentre la presentazione è stata affidata agli studenti E. Vitelli e M. Santucci.

A conclusione della cerimonia di premiazione è stato fatto omaggio alle autorità presenti di tre libretti contenenti le poesie premiate e non, presentate dagli studenti dei tre diversi Istituti, elaborati tutti da leggere per la loro profondità e sensibilità, poesie che sono, come hanno dichiarato gli studenti, espressione di «uno spazio ed un tempo che abbiamo interpretato a modo nostro, interrogandoci e guardandoci dentro, ricordando il passato, con la consapevolezza del presente e la volontà di costruire un futuro migliore” ed ancora “Il tempo e lo spazio sono entità che da sempre hanno portato l’uomo a riflettere. In questo particolare momento invitano a capire e a cercare spiegazioni sul “perché” dei fatti che stiamo vivendo. Eppure, anche se costretti in una stanza ed in un tempo indefinito, i nostri sogni volano e… nessuno può impedirlo».

A causa delle restrizioni previste e l’impossibilità, come negli anni scorsi, degli studenti degli istituti di poter partecipare in presenza all’evento, lo stesso è stato trasmesso in diretta streaming nelle classi.

Alcuni video sono disponibili ai seguenti link:

Il viaggio di Alessandro;

Riflessioni Libere;

Non potrai più ballare.


Le poesie, le fotografie e i disegni sono stati inseriti nei seguenti libri digitali e due opere in allegato ai seguenti link:

Ripensare il tempo e lo spazio 01

Ripensare il tempo e lo spazio 02

Ripensare il tempo e lo spazio 03

Un arrivederci al prossimo anno, che ci auguriamo in presenza, senza mascherine e senza distanziamento.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top