Colleferro. “La ciurma dei bulli”. Al Teatro comunale Vittorio Veneto la scuola elementare Carlo Urbani ha portato in scena il bullismo

Nola Ferramenta outfitNola Ferramenta outfit

COLLEFERRO – Nel pomeriggio di ieri, 10 Giugno, presso il Teatro Vittorio Veneto di Colleferro si è svolta la tanto attesa esibizione degli alunni della scuola elementare Carlo Urbani dell’Istituto Comprensivo “Margherita Hack”.

Farmacia Comunale Colleferro ScaloFarmacia Comunale Colleferro Scalo

Le cinque classi del plesso hanno scelto come ormai di consueto anche quest’anno un tema importante, complesso ed estremamente delicato , quello del bullismo dell’inclusione e dell’uguaglianza.

Un teatro colmo di genitori e nonni ha applaudito questi bambini che con leggerezza, disincanto, allegria e passione hanno trattato il bullismo come un argomento serio merita di essere raccontato.

Ecoerre-Poliambulatorio_SpecialisticoEcoerre-Poliambulatorio_Specialistico

Un argomento appunto che ha offerto anche ieri uno spunto per riflettere su tematiche importanti. Da questa meravigliosa idea delle insegnati è nato lo spettacolo “La ciurma dei bulli”: una rappresentazione che anche attraverso un percorso storico letterario ha saputo dimostrare ancora una volta come la gentilezza, l’intelligenza, la saggezza possono avere la meglio sulla forza fisica, sulle prepotenze e le ingiustizie adoperando il dialogo e l’unione come unica arma. Uno spettacolo guidato dai ragazzi di quinta che inizia in mare aperto con una ciurma di pirati pronti a fare i bulli ma che dovranno poi arrendersi alla gentilezza..

La figura del bullo c’è sempre stata fin dai tempi più lontani e oggi ancora di più presente tra noi con Internet e con il Cyberbullismo.

Attraverso la lettura di diverse tipologie testuali (Wonder , Il club degli strani, I tre porcellini , Il brutto anatroccolo, La battaglia di Sacriporto) nel corso dell’anno i ragazzi hanno scoperto che già nelle fiabe e nelle storie passate si nascondevano e camuffavano veri e propri atti di bullismo.

Ogni classe ha lavorato sull’idea di un nuovo eroe positivo che solitamente incarna la figura della vittima incoraggiando comportamenti rispettosi.

Così, è stato possibile raccontare delle storie improntando la narrazione sul rispetto , sull’uso sensato e corretto delle parole perché tutti posso ferire con un uso improprio di queste ma la gentilezza e il rispetto restano le armi più potenti per sconfiggere e vincere su tutti.

Ancora una volta la scuola elementare Carlo Urbani ha lasciato il segno, lo hanno fatto i ragazzi con questa meravigliosa rappresentazione e lo hanno fatto le insegnanti, squisite e sempre disponibili a questo tipo di attività che aprono la mente e regalano sempre nuovi strumenti di conoscenza.

Al termine della manifestazione la dirigente scolastica la dottoressa Maria Giuffrè ha preso parola cogliendo l’occasione per ringraziare ancora una volta tutte le docenti per il lavoro svolto durante questo anno scolastico appena concluso e ha fatto i suoi più sinceri auguri ai ragazzi della quinta che commossi e felici hanno ricevuto il loro meritato diploma per poter iniziare a settembre un nuovo ed entusiasmante percorso di vita.

Un ringraziamento particolare va a tutti i ragazzi , ai genitori, ai rappresentanti e alle bravissime maestre che con dedizione e amore accompagnano questi giovani ragazzi ogni giorno: Maria Flavia Costantini, Patrizia Derme, Roberta Lucchetti, Cecilia Arzillo, Sara Passa, Marta Di Murro, Ludovica Cristiani, Federica Ciucani, Annunziata Angela Centra , Fratarcangeli Giorgia, Teresa Mazza, Michela Battisti, Serena Paglia, Marina Pasqualoni, Ilaria Petriglia, Alberta Corsi, Maria Bragazzi, Cristiana Pietrosanti, Stefania Fiacco e Diletta Sangiorgi