Colleferro. Inaugurata la biblioteca della elementare “Flora Barchiesi” del Quartiere Scalo. Sarà aperta al pubblico anche nel pomeriggio

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon) Taglio del nastro Domenica 3 Novembre per la nuova biblioteca “Oltre il Ponte” presso la Scuola Flora Barchesi dell’Istituto Comprensivo Margherita Hack a Colleferro Scalo.

Erano presenti il Sindaco Pierluigi Sanna, il Vicesindaco Diana Stanzani, l’Ass. Giulio Calamita, il Consigliere Luigi Moratti, la Dirigente Scolastica Maria Giuffrè, il Diacono Vito Cataldi e tanti cittadini che hanno voluto essere presenti all’importante evento che rappresenta un esempio di collaborazione tra cittadini e istituzioni, un tandem che ha permesso di realizzare un progetto sognato da tempo.

Volontà, passione e disponibilità hanno animato i volontari della nascente associazione “Oltre il ponte” che, partiti dall’idea di creare un luogo di aggregazione e spinti dal desiderio di promuovere la lettura nel quartiere storico della città, hanno iniziato a raccogliere libri e, grazie alle donazioni di cittadini, librerie ed istituzioni, sono oggi più di tremila i testi a disposizione, che spaziano in ogni ambito letterario: dalla narrativa alla poesia, dalla fantascienza ai fumetti, dai saggi politici, storici ed artistici ai testi scientifici.

Nel suo intervento il Sindaco ha evidenziato l’importanza della lettura ed il ruolo delle biblioteche scolastiche, ricordando come la città di Colleferro, oltre alla Biblioteca Comunale, può vantare altre due importanti luoghi di lettura: la biblioteca del Liceo G. Marconi e quella recentemente inaugurata all’Itis S. Canizzaro, intitolata “Il castello dei destini incrociati”.

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it

La Dirigente scolastica D.ssa Maria Giuffrè – che con entusiasmo ha offerto gli spazi della scuola in cui i bambini svolgevano attività laboratoriale – all’associazione “Oltre il Ponte” alla ricerca di uno spazio aggregativo, nel suo intervento ha sottolineato l’importanza di una scuola che rappresenti un punto di riferimento imprescindibile per la realtà cittadina, che sia sempre più aperta verso il territorio e che promuova collaborazioni e sinergie con l’associazionismo locale.

La Flora Barchesi – prima scuola della nascente Colleferro – istituita nel 1908 dal Ministero della Pubblica Istruzione, rappresenta oggi una realtà di cui essere orgogliosi, con aule spaziose e colorate, servizi rinnovati e barriere architettoniche abbattute, un ampio giardino ed una palestra attrezzata.
La Biblioteca, luogo con scaffali aperti con tanti libri, consentirà agli alunni, al mattino, di approfondire, apprendere, ampliare il linguaggio; e, con l’apertura al pubblico del pomeriggio, potrà essere fonte di conoscenza accessibile a tutti.
Questo renderà la scuola, al di là delle nozioni che si apprendono in classe, un luogo importante per la formazione dei futuri cittadini.
Ma anche un’occasione per l’intero quartiere, dove la scuola e la biblioteca diventeranno luogo di interesse comune per la comunità che potrà incontrarsi per ricostruire e valorizzare il tessuto sociale del territorio.

Come ogni biblioteca, sarà previsto un tesseramento gratuito per accedere al prestito dei libri ed a breve saranno resi noti giorni ed orari di apertura pomeridiani. Saranno inoltre promosse iniziative di lettura ed eventi dedicati ai grandi, ma soprattutto ai bambini.

Nel corso del pomeriggio, a cura di Officina Teatro, diretta da Claudio Dezi, è stato letto un brano tratto da “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino, pubblicato nel 1979 e che narra la storia di un Lettore che, nel tentativo di leggere un romanzo, per ragioni sempre differenti, è costretto ad interrompere la lettura del libro che sta leggendo e intraprendere la lettura di un altro.

Tanti applausi ed un ricco buffet hanno chiuso la manifestazione ed ora non ci resta che ….leggere!

 

Potrebbero interessarti anche...

Top