Vertenza Coop. In “stand by” la cessione degli 8 punti vendita del Lazio Sud. Esulta la politica. Frena la dirigenza…

Nola FerramentaNola Ferramenta

SULLA QUESTIONE relativa all’annunciata cessione da parte di UniCoop Tirreno di 8 punti vendita del Sud del Lazio (Pomezia, Fiuggi, Velletri, Aprilia, Genzano, Colleferro, Frosinone) – nei quali sono occupati complessivamente circa 270 dipendenti – le dichiarazioni successive alla riunione che si è tenuta oggi presso il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), non sembrano averne interpretato allo stesso modo i contenuti.

Abbiamo ricevuto, e pubblichiamo di seguito, i comunicati stampa dell’Amministrazione comunale di Colleferro – per voce del Sindaco Pierluigi Sanna e del Presidente della Commissione Lavoro comunale Marco Gabrielli -, del Consigliere regionale Eleonora Mattia (presidente della IX Commissione regionale lavoro) nonché del Presidente, Marco Lami, e del Direttore Generale, Piero Canova, di UniCoop Tirreno…

L’Amministrazione comunale di Colleferro

Sanna Gabrielli[Scongiurata la cessione dei punti vendita Unicoop Tirreno, compreso il centro di Colleferro.

È questo il risultato dell’incontro avvenuto questo pomeriggio presso il Ministero dello Sviluppo Economico che, oltre a sindacati e lavoratori, ha visto la presenza del Sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, e del Consigliere Marco Gabrielli, presidente della Commissione Comunale Lavoro.

Sanna si è detto soddisfatto della decisione comunicata dai vertici della Unicoop Tirreno di interrompere la trattativa in corso che prevedeva la cessione delle attività di distribuzione a un altro operatore del settore.
«Questi sono i risultati che si ottengono quando ognuno fa la sua parte rispetto alle proprie prerogative, i sindacati, i lavoratori e le Istituzioni e, insieme, si combatte la stessa battaglia» sono state le parole a caldo del primo cittadino di Colleferro.

Allo stesso modo il Consigliere Gabrielli ha sottolineato l’importanza di questa scelta per il territorio di Colleferro e per le famiglie dei lavoratori che con apprensione e preoccupazione hanno seguito la vicenda: «Siamo stati accusati di esserci interessati come amministrazione comunale della vicenda Coop e il risultato di oggi ci dice chiaramente che le Istituzioni locali hanno il dovere di intervenire quando in ballo ci sono temi come l’occupazione e le attività produttive.
Rivendichiamo dunque il nostro ruolo e fin d’ora diciamo che continueremo a seguire la vicenda insieme alle organizzazioni sindacali e ai lavoratori.
Al momento siamo molto soddisfatti del risultato, era quello che volevamo».

Il Presidente della Commissione regionale lavoro Eleonora Mattia

[«Esito positivo, oggi al Mise, per l’incontro tra istituzioni, sindacati e Unicoop Tirreno sulla vertenza che coinvolge i 270 dipendenti di 8 punti vendita del sud del Lazio.
Il lavoro svolto in queste settimane – afferma il Consigliere regionale Eleonora Mattia – dall’assessore regionale al lavoro Claudio Di Berardino e dalla IX Commissione consiliare lavoro ha dato i suoi frutti visto che è stata accolta la nostra richiesta di accantonare la scelta unilaterale di Unicoop, superare gli attriti ed avviare una concertazione serena, tra azienda e parti sociali, che entro la fine di novembre condurrà all’individuazione di una soluzione che garantisca i livelli occupazionali, le forme contrattuali dei lavoratori e la riconoscibilità del marchio Coop. Un percorso che vedrà la Regione Lazio sempre attiva a sostegno dei lavoratori e dei territori interessati».]

 

UniCoop Tirreno. Il Presidente Marco Lami ed il Dg Piero Canova

[Marco Lami (presidente di Unicoop Tirreno) e Piero Canova (direttore generale di Unicoop Tirreno) hanno partecipato all’incontro tenutosi nel pomeriggio di oggi, 18 Ottobre, presso il Ministero dello Sviluppo Economico alla presenza di Giorgio Sorial vice capo gabinetto del Mise, Giampero Castano responsabile unità di crisi del Mise, di un rappresentante del Ministero del Lavoro e a cui hanno preso parte rappresentanti delle organizzazioni sindacali, delle Regioni Lazio, Umbria, Toscana e di alcuni Comuni del Sud Lazio.

Al termine dell’incontro che ha avuto come tema la situazione degli 8 punti vendita della Cooperativa dislocati nel Sud Lazio, Marco Lami e Piero Canova hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

«Abbiamo ribadito ciò che è emerso dal Consiglio d’Amministrazione di Unicoop Tirreno: gli obiettivi del piano industriale della Cooperativa sono inderogabili e devono essere raggiunti con la massima determinazione.
Nello spirito di collaborazione auspicato dal Mise abbiamo confermato la disponibilità a confrontarci senza pregiudiziali con le organizzazioni sindacali con lo scopo di trovare le migliori soluzioni che possano consentirci di risolvere le situazioni di difficoltà sopra evidenziate.
È stata fissata per Lunedì 29 Ottobre presso il Mise la data del primo incontro con le organizzazioni sindacali per un confronto che dovrà svilupparsi in tempi definiti, indicativamente entro novembre».]

 

Potrebbero interessarti anche...

Top