Valmontone. “Passi di donna”, a Palazzo Doria una sfilata di moda per prevenire il cancro

Nola Ferramenta UtensileriaNola Ferramenta Utensileria

Ricordati di Te

La locandina che promuove l’iniziativa a livello regionale

VALMONTONE (RM) – Domani, sabato 19 ottobre, alle ore 18 a Palazzo Doria Pamphilj appuntamento con l’Associazione Il Girasole che, in collaborazione con il Comune di Valmontone, presenta “Passi di donna”, la sfilata di moda organizzata per sensibilizzare l’universo femminile sulla necessità di una prevenzione attenta e costante sul cancro al seno. L’evento sarà preceduto da un’introduzione del dottor Domenico Carbone e sarà arricchito da consigli, informazioni e testimonianze per prevenire la malattia e, non da meno, per superare al meglio gli effetti collaterali del cancro al seno.
Poi, negli ambienti suggestivi del palazzo, via alla sfilata “in rosa” con Gianluca di Rich Couture, Maria Grazia e Katia di Akitagray, gli artisti di Insieme nell’arte, insieme ai truccatori, ai ragazzi dell’atletica e quelli per l’accoglienza, tutti insieme per vivere una bella esperienza e tentare di coinvolgere il maggior numero di persone, in particolare donne, in un evento di grande importanza sociale.  
L’iniziativa è stata subito sposata dall’assessore alle politiche sociali del Comune di Valmontone, Eleonora Mattia, che l’ha inserita nell’ambito della campagna di sensibilizzazione “Ricordati di Te” che la Regione Lazio sta portando avanti per tutto il mese di ottobre e Valmontone ha subito ripreso e rilanciato. Un mese intero in cui, per la prevenzione del tumore al seno, è stata avviata una massiccia campagna informativa con l’obiettivo di far conoscere il programma di screening di prevenzione. Opuscoli, locandine, quotidiani, periodici e comunicati radio sono gli strumenti utilizzati per sensibilizzare le donne a questo importante aspetto della salute attraverso una serie di iniziative specifiche (per avere informazioni basta telefonare ai numeri della Asl di riferimento (per la AslRmG numero verde 800084986).

«Il Programma di Screening – ricorda la Mattia – è gratuito e consiste in un percorso organizzato di diagnosi precoce ed è attivo tutto l’anno. L’obiettivo che ci si pone è quello di individuare il tumore, se presente, quando è ancora molto piccolo e non presenta disturbi. In questo modo, con la diagnosi precoce, aumentano le possibilità di cure efficaci e meno aggressive per la donna”. 
Come si legge sul sito della Regione, il Programma di Screening è rivolto a tutte le donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni ed è anche previsto uno screening per il tumore al collo dell’utero, che si rivolge alle donne nella fascia di età dai 25 ai 64 anni. Gli esami sono gratuiti, così come tutti gli approfondimenti diagnostici e terapeutici eventualmente necessari».

 

Giulio Iannone

Cognome: IANNONE. Nome: GIULIO. Nato a: COLLEFERRO (Roma). Il: 12 giugno 1963. Stato Civile: Coniugato, tre figli. Hobbies: Webmaster, Informatica, Rotary Club, Lettura, Vela, Sub, Tv Sat. Giornalista iscritto all'Albo dal: 1991. Altri incarichi: VicePresidente Nazionale dell'A.C.A.S.

Potrebbero interessarti anche...

Top