Valmontone. Domani Sabato 28 alle ore 19, Concerto Flauto e Pianoforte alla Collegiata

Nola FerramentaNola Ferramenta
La locandina dell’evento
La locandina dell’evento

VALMONTONE (RM) – Musica di altissimo livello, domani alle 19 nella Collegiata dell’Assunta, con il concerto del musicista locale Giulio Francesconi che torna a Valmontone per un’esibizione, insieme al pianista Franco Venturini, che si preannuncia da brividi. 

Giulio Francesconi torna quindi per regalare alla propria città un evento musicale di grande intensità che vedrà esibirsi due artisti di fama internazionale. Occhi puntati, ovviamente, su Francesconi che, nato e cresciuto a Valmontone, da anni gira l’Italia e l’Europa in una continua e costante crescita artistica e professionale che ne hanno consacrato definitivamente il talento come uno dei più grandi flautisti in circolazione. 

Diplomato nel 2003 al conservatorio “Casella” di L’Aquila, con il massimo di voti, si è perfezionato con i migliori maestri europei, ottenendo premi e riconoscimenti sia in Italia che all’estero e arrivando, nel 2012, ad ottenere il ruolo di primo flauto della World Youth Orchestra. In una carriera in rapida ascesa, che lo ha visto suonare nei più importanti consessi in Italia e in Francia, nel maggio 2013 è giunto ad affrontare le durissime pagine del concerto per flauto e orchestra di André Jolivet , suonando da solista con l’Orchestra Filarmonica di Strasburgo nella Salle Erasme del Palais de la Musique de Strasbourg.

«Dopo lo straordinario successo del Coro Gospel – commenta il sindaco Alberto Latini – abbiamo voluto offrire ai valmontonesi un nuovo appuntamento di grandissima intensità emotiva, organizzando il ritorno nella propria città di Giulio Francesconi, un musicista di fama mondiale che vogliamo applaudire e apprezzare anche a Valmontone». 

«L’auspicio – aggiunge il vice sindaco e assessore alla cultura Eleonora Mattia – è che il concerto ‘In Musica con Giulio’ sia solo il primo di una serie di appuntamenti da condividere con il pubblico Valmontonese. Lo scopo, come abbiamo precisato nella presentazione del concerto, è combattere così quella crisi della cultura e dei valori che sta colpendo la nostra nazione. Sappiamo che l’Italia è conosciuta nel mondo proprio per l’opera incredibile e inestimabile che artisti di ogni genere hanno sempre coltivato, raggiungendo nella creazione livelli di assoluta eccellenza. Giulio Francesconi, in tal senso, è un esempio di cui, a Valmontone, dobbiamo essere orgogliosi. Crediamo molto nella valorizzazione di arte e cultura ed è per questo che, nel ricco programma di eventi di queste festività, abbiamo inserito anche appuntamenti, come questo, di altissimo spessore».