• Senza categoria

Segni. Nulla da fare per il piccolo Giorgio Alvini, a soli 3 anni il Signore lo ha richiamato a sé…

Nola FerramentaNola Ferramenta

Roma - Ospedale Bambino Gesù - Pronto SoccorsoSEGNI (RM) – Non c’è stato nulla da fare per il piccolo Giorgio Alvini di soli tre anni: il Signore lo ha richiamato a sé intorno alle ore 18 di ieri, 17 Dicembre 2013.

Il piccolo Giorgio dai riccioli d’oro, già sofferente di crisi convulsive, nella serata di Lunedì, stava male, ha avuto un conato di vomito che gli ha incontrollabilmente ostruito la trachea… I genitori hanno immediatamente chiamato il 118 per condurlo in ospedale e già all’arrivo dell’ambulanza il bambino era in una situazione di grave insufficienza respiratoria.

Trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Parodi Delfino” di Colleferro, gli sono state praticate le manovre di rianimazione e gli è stato asportato del materiale dalla trachea. Persistendo lo stato di gravità dell’insufficienza respiratoria, il piccolo Giorgio è stato trasferito d’urgenza a Roma presso l’Ospedale “Bambino Gesù”.

Fin dal ricovero in questo nosocomio le condizioni del bambino apparivano disperate. E’ stato tentato tutto il possibile per strapparlo alla morte, ma i tentativi di farlo uscire dal coma sono stati vani. Intorno alle 18 di ieri si è spento.

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

In questo triste momento la Redazione e la Direzione del nostro giornale sono vicini ai familiari e partecipano al dolore della sorellina Giulia, della mamma Francesca e del papà Enzo.
L’ultimo saluto a Giorgio verrà dato domani, Giovedì 19 Dicembre, alle ore 15 presso la Chiesa Madonna degli Angeli a Segni.

R.I.P.

AGGIORNAMENTO (19/12/2013).
Oggi pomeriggio ai funerali del piccolo Giorgio – che si sono svolti presso la Chiesa Madonna degli Angeli a Segni, come previsto alle ore 15 – l’intera città ha voluto  dare l’ultimo saluto ad un angelo volato in cielo troppo presto. Erano davvero in tanti, oltre ai parenti, agli amici, numerosissimi semplici cittadini che con la loro presenza hanno voluto testimoniare la partecipazione ad un dolore senza fine, come quello che può rappresentare la perdita di un figlio, in così tenera età.
Sconforto, disperazione, angoscia… su qualche volto si leggeva anche volontà di ribellarsi, di scrollarsi di dosso una brutta maledizione che ha funestato in questi ultimi giorni la tranquilla comunità del piccolo centro lepino.
Il Sindaco Stefano Corsi: «E’ il Natale più triste…». Il parroco, Don Claudio Sammartino, sconvolto, dopo aver celebrato le esequie, non aveva parole…
Ed il silenzio ha accompagnato Giorgio verso l’ultimo viaggio tra la costernazione di tutti, di fronte ad una pagina che oggi sembra impossibile da poter voltare…

 

Potrebbero interessarti anche...

Top