Segni. Il Consiglio comunale approva il rendiconto 2021 senza voti contrari. Il Sindaco Cascioli: «Tutti risultati positivi…»

Nola FerramentaNola Ferramenta

SEGNI – È stato approvato nell’ultima riunione del Consiglio Comunale di Segni – che si è tenuta il 26 Maggio scorso – senza voti contrari e con tre astenuti, il rendiconto 2021, con risultati più che soddisfacenti che denotano il buon andamento della macchina amministrativa riorganizzata nella struttura e potenziata con nuove risorse umane.

Il Sindaco Piero Cascioli, che ha tenuto a sé la delega al bilancio, nella relazione esposta durante il Consiglio, dopo aver rappresentato tutti i valori contenuti nel conto di bilancio, nel conto economico e nello stato patrimoniale, ha evidenziato i punti salienti del rendiconto annotando l’ottimo lavoro svolto dall’ufficio economico finanziario grazie anche al quale è stato possibile chiudere l’esercizio 2021 con tutti risultati positivi.

Un saldo di cassa consistente che ha evitato il ricorso alle anticipazioni di tesoreria, che costavano all’ente interessi.

Un risultato di gestione positivo dove i crediti superano i debiti. Un risultato di amministrazione migliorativo rispetto all’esercizio precedente.
Il conto del bilancio ha evidenziato una buona capacità di riscossione addirittura superiore al 100%.
Un punto fondamentale è il forte abbattimento dei debiti commerciali: dai circa 2,5 milioni del 2019 si è passati agli 800 mila del 2020 per scendere a 400 mila nel 2021.

Anche i tempi di pagamento sono stati drasticamente ridotti: ad inizio mandato, come afferma ancora il Sindaco Cascioli, i tempi di pagamento erano di due anni e passa, si è scesi così gradualmente ed oggi si paga nell’arco di 50 giorni, l’obiettivo è scendere sotto i 30.

Sul versante degli accantonamenti si è effettuata un’operazione prudenziale che mette l’Ente al riparo da brutte sorprese; l’ammontare degli accantonamenti è stato infatti superiore a 5 milioni.

Buono anche il conto economico e lo stato patrimoniale per il quale si sta effettuando una ricognizione più puntuale e veritiera.

Una gestione, dunque, più ordinata che consente all’ente di operare con risorse proprie evitando il dannoso ricorso alle anticipazioni di tesoreria; di onorare i debiti con maggiore celerità; di assicurarsi riserve per eventuali imprevisti; dunque, una gestione più corretta, più prudente, più responsabile e più efficiente.