Segni. Biblioteca Comunale. “Vetrina letteraria dei Monti Lepini”. Presentato il volume “Monti Lepini – Guida Escursionistica”

Nola FerramentaNola Ferramenta

SEGNI (Eledina Lorenzon) – È stato presentato Venerdì 10 Giugno, nel bel cortile della Biblioteca di Comunale di Segni, il volume “Monti Lepini, Guida Escursionistica”, Edizioni Il Lupo – Specialisti in Appennino, primo di quattro appuntamenti inseriti nella manifestazione denominata “Vetrina letteraria dei Monti Lepini”, promossa dalla Compagnia dei Lepini, con il patrocinio della Città Metropolitana di Roma Capitale, della Città di Segni e del Comune di Colleferro, per avviare un percorso di conoscenza del territorio lepino attraverso libri di recente pubblicazione.

Presenti all’evento erano il Sindaco di Segni Pietro Cascioli, il Presidente della Compagnia dei Lepini Quirino Briganti, l’autore Stefano Milani, l’Amministratore Edizioni Il Lupo Carlo Coronati, il cartografo Dario Saccoccia, il Presidente CAI Regione Lazio Amedeo Parente.

A presentare e coordinare gli interventi, con grande professionalità e simpatia, c’era la Responsabile della Biblioteca Anna Lisa Ciccotti.

L’incontro si è aperto con i saluti del Sindaco Cascioli, agli ospiti ed al numeroso pubblico intervenuto, che ha poi espresso la sua soddisfazione per ospitare l’iniziativa, occasione speciale per “presentare e far conoscere alle comunità il tanto lavoro svolto per la conoscenza e la valorizzazione del nostro territorio” in un percorso che unisce natura, paesaggi, storia, arte, cultura ed enogastronomia.

Ha fatto quindi seguito l’intervento di Carlo Coronati, Amministratore delle Edizioni Il Lupo, casa editrice di nicchia come si dice nel linguaggio dell’economia, giunta al suo 29° anno di attività, dedicata a pubblicazioni sugli Appennini e da sempre sostenitrice del movimento lento e sostenibile, per una frequentazione della montagna la meno invasiva possibile.

L’autore Stefano Milani, visibilmente emozionato, ha iniziato il suo intervento con un ricordo dedicato a Daniele Nardi, disperso sul Nanga Parbat nel Febbraio 2019, suo grande amico e che fu spesso al suo fianco in tante escursioni per la preparazione della prima edizione della Guida escursionistica dei Lepini edita nel 2015.
In questa versione aggiornata è stato notevolmente ampliato il numero dei percorsi descritti, e vengono proposti sia sentieri per il camminatore esperto che sentieri accessibili a tutti.
Inserita anche la Via Francigena, che attraverso due distinti tracciati, percorre la catena dei Monti Lepini permettendo così di conoscere anche il volto storico-culturale ed architettonico di questi monti.
“Insomma un viaggio tra la natura, l’ambiente, la storia, i vari paesi, dove ognuno può scegliere a suo piacimento per attraversare, scoprire e vivere i Monti Lepini”

Il Presidente Regionale del C.A.I. ha espresso i più vivi ringraziamenti all’autore per “una guida ben realizzata” sia dal punto di vista degli itinerari, ben descritti in ogni dettaglio, che dal punto di vista naturalistico, sicuramente un valido aiuto per chi percorre i vari sentieri segnalati.

L’evento si è chiuso con l’intervento appassionato di Quirino Briganti, da sempre ambasciatore della bellezza di queste nostre montagne e che da decenni opera per la costituzione del Parco dei Monti Lepini.

Come ha ben argomentato, questa guida riveste, senza dubbio, grande rilevanza per la conoscenza dei Monti Lepini, fornendo tutte le informazioni utili all’escursionista per poter affrontare, in sicurezza, il trekking e proponendo, pagina dopo pagina, uno stimolo a camminare in percorsi davvero originali che offrono scenari ambientali di grande bellezza e di grande impatto emotivo.
Alcuni luoghi sono indubbiamente più conosciuti e tra questi possiamo annoverare le vette più alte e ambite dai camminatori: il Semprevisa, il Malaina, il Capreo, il Lupone e il Gemma per citarne alcune.
A queste mete vanno aggiunti gli altipiani, tutti molto suggestivi: Campo di Segni, Collemezzo, Pian della Faggeta, Canai, Santa Serena tra i più noti.

I Lepini offrono inoltre tanti modi per essere conosciuti ed apprezzati: in arrampicata, a cavallo, in mountain bike o attraverso escursioni speleologiche ed altri sport più come il parapendio, soprattutto con il magnifico campo di decollo posto all’interno dell’antica città di Norba (Norma), o il “Flying in the sky” a Rocca Massima, cavo d’acciaio lungo 2225 mt sorretto da due piloni che con un dislivello di 350 risulta il salto più lungo al mondo, oppure si può provare l’emozione di vogare sulle acque calme del fiume Cavata che si dirama lungo la pianura pontina.
Non dimentichiamo poi l’Oasi Naturale di Ninfa, conosciuta in tutta Europa, i percorsi storici, i musei, i castelli, i palazzi baronali, chiese, abbazie e monasteri, dislocati nei vari centri storici e gli itinerari enogastronomici.

I Lepini, montagne da amare!

Prossimi incontri della Vetrina letteraria dei Lepini:

  • 17 Giugno: Biblioteca Comunale R. Morandi – Colleferro
    “Lepini, Circeo e Isola Zannone , 67 itinerari a piedi su tutte le cime del settore.
 Autore Tommaso Funaro Versante Sud Editore”
  • 1 Luglio: Biblioteca Comunale di Segni
    “Atlante della Biodiversità Faunistica dei Monti Lepini”
    Autori L. Corsetti & L: Marozza – Edizioni Belvedere
  • 8 Luglio: Biblioteca Comunale R. Morandi – Colleferro
    “Arte nei Lepini” – Un itinerario storico artistico tra XIV e XXI secolo
    Autori Vincenzo Scozzarella e Ferruccio Pantalfini – Il Levante Editore