Roma. Lotta senza quartiere contro lo spaccio. I Carabinieri arrestano 7 persone e sequestrano armi e migliaia di dosi di cocaina, hashish, marijuana e crack

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROMA – Non conoscono sosta le attività antidroga dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, che stanno passando al setaccio il territorio della Capitale per arginare l’annoso fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella sola giornata di ieri, 27 Luglio, sono state 7 le persone arrestate e migliaia le dosi di sostanze varie – hashish, marijuana, cocaina e crack – che sono state intercettate e sottratte al mercato illegale. Due le persone segnalate alla Prefettura di Roma in qualità di assuntori di sostanze stupefacenti.

TOR BELLA MONACA
In Largo Ferruccio Mengaroni, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno controllato un romano di 67 anni, con precedenti, mentre si stava aggirando, in atteggiamento sospetto, in una delle più note piazze di spaccio della zona. Le sue risposte evasive hanno convinto i militari ad estendere le verifiche in un garage sotterraneo della palazzina “A” che l’uomo aveva occupato abusivamente e adibito ad abitazione. In un vano attiguo, i Carabinieri hanno rinvenuto 14 panetti di hashish per un peso complessivo di circa 1,4 Kg e dei sacchetti contenenti 323 dosi singole di cocaina, per un peso complessivo di 171 g. Non solo: i Carabinieri hanno recuperato anche un involucro in cellophane al cui interno era custodita una pistola revolver “Smith & Wesson” 38 Special con 4 cartucce, altre 22 munizioni calibro 9×21, 5 munizioni calibro 9×38 e 170 euro di cui l’uomo non ha saputo fornire una valida giustificazione circa la provenienza. Il 67enne è stato portato in caserma poiché gravemente accusato di detenzione ai fini di spaccio, detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione. L’arma verrà inviata ai laboratori di balistica del R.I.S. per verificare se possa essere stata utilizzata in passati o recenti episodi di cronaca.
Poco dopo, in Via dell’Archeologia, i militari della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato un ragazzo tunisino di 20 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti. Il giovane, già sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Roma, alla vista della pattuglia ha tentato di fuggire, ma è stato bloccato e trovato in possesso di 7 dosi di cocaina e 450 euro, ritenuto probabile provento di spaccio.

TOR SAPIENZA
I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno sorpreso un ragazzo romeno di 19 anni mentre passeggiava nervosamente lungo Via di Tor Cervara, in possesso di circa 9 grammi di cocaina, più di 80 grammi di hashish e la somma in contanti di 1.070 euro ritenuto provento della sua attività illecita.
Il giovane è stato posto agli arresti domiciliari poiché gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

TIBURTINA
In zona Tiburtina, i Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno arrestato un cittadino nigeriano di 30 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, poiché gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, dopo essere stato trovato nel pieno della contrattazione circa il prezzo per la cessione di una dose di marijuana con un “cliente”, si è scagliato contro i militari intervenuti. Poco dopo, gli stessi Carabinieri hanno bloccato un cittadino del Gambia di 24 anni, anche lui senza fissa dimora e con precedenti, sorpreso in possesso di una decina di dosi tra hashish e marijuana, confezionate singolarmente e pronte per essere cedute.

PRIMA PORTA
I Carabinieri della Stazione Roma Prima Porta hanno controllato un ragazzo di 23 anni con precedenti e una ragazza di 26 anni incensurata, entrambi romani, a bordo di un’auto che stava percorrendo via Offanengo. Il loro nervosismo, non giustificato, ha spinto i militari ad approfondire le verifiche e in auto sono stati trovati 2,12 grammi di crack e 11,72 grammi di cocaina.
Le attività si sono spostate nell’abitazione che condividono: qui, i Carabinieri hanno recuperato altri 19 g di hashish e 380 euro in contanti ritenuti frutto della loro attività illecita. Entrambi sono stati arrestati poiché gravemente indiziati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Tutti gli arresti sono stati convalidati.

Comunicato pubblicato ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti della/e persona/e indagata/e (la/le quale/i, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è/sono da presumersi innocente/i fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza).