Roma. Centro massaggi a “luci rosse”. Sigilli all’esercizio ed arrestata dai Carabinieri la “tenutaria”, una 34enne cinese

ROMA – Al termine di una mirata attività investigativa, i Carabinieri della Stazione Roma San Giovanni hanno scoperto un centro massaggi orientale a “luci rosse”, gestito da una cittadina cinese di 34 anni, che è stata arrestata con l’accusa di sfruttamento della prostituzione.

I militari avevano notato, nel corso di alcuni controlli del territorio, effettuando anche dei mirati appostamenti, uno strano via vai a tutte le ore del giorno, di persone, soprattutto di sesso maschile, da un centro massaggi rilassanti con tecniche orientali, in via Dacia, zona san Giovanni.

I sospetti dei Carabinieri si sono concretizzati nel corso di un blitz scattato la scorsa notte.
Dietro i normali trattamenti rilassanti pubblicizzati, anche attraverso annunci sulla rete, c’era una donna cinese che si prostituiva, gestita e controllata dalla titolare del centro, che è stata arrestata.

A seguito della perquisizione i militari hanno rinvenuto e sequestrato ben 1260 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita, alcuni telefoni cellulari, un computer e documentazione contabile.

I militari hanno scoperto anche che la tenutaria tratteneva il denaro pattuito per ogni singola prestazione.

Dopo l’arresto la 34enne è stata condotta in caserma e successivamente presso il carcere femminile di Rebibbia, mentre il locale è stato sottoposto a sequestro.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top