Roma. Celebrata Santa Barbara, la Patrona dei Vigili del Fuoco

Nola FerramentaNola Ferramenta

Vigili del FuocoROMA – Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, accolto dal Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Alberto Di Pace e dal Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Alfio Pini, ha partecipato oggi nella sede centrale di Roma, alla ricorrenza  della festa di Santa Barbara, Patrona del Corpo Nazionale.


Una cerimonia in linea con le direttive del Governo per garantire la massima sobrietà in occasione delle ricorrenze delle Forze Armate, Corpi Armati e Corpi non Armati dello Stato. 
Presenti alla celebrazione i Sottosegretari all’Interno Gianpiero Bocci e Domenico Manzione, il Capo di Gabinetto, Luciana Lamorgese, il Capo della Polizia,  Alessandro Pansa, il Capo Dipartimento per gli affari interni e territoriali, Umberto Postiglione, il Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e tutti i vertici del Ministero dell’Interno.


Nel suo intervento il Ministro Alfano ha evidenziato quanto  forte sia  la fiducia che la gente ha nel Corpo Nazionale:
«Che ci sia un Corpo efficiente, che funziona nel soccorso come nella prevenzione» – ha detto il Ministro – «rende più forte nei cittadini l’idea della Patria.  È l’apprezzamento dei cittadini, unito al riconoscimento delle Istituzioni, che Vi auguro di continuare a ricevere a fronte dello straordinario impegno che, sono certo» – ha aggiunto Alfano – «non mancherete di mettere in campo con il sostegno, che oggi desidero ribadire, del Governo e mio personale».


Il Capo Dipartimento Alberto Di Pace ha ricordato come dietro ad ognuno dei 700.000 interventi di soccorso che i Vigili del Fuoco effettuano ogni anno ci siano fatica, impegno, professionalità e competenza di una struttura altamente specializzata che ha dimostrato di saper funzionare, anche nelle difficoltà dovute ad un quadro finanziario di eccezionale severità. «Auspichiamo» – ha concluso il suo discorso il Prefetto Di Pace – «un sempre maggiore allineamento di tutte le componenti del Ministero dell’Interno».