Rocca Priora | Monte Compatri. Alla presenza dei rispettivi sindaci, consegnati i lavori per la realizzazione del manto stradale tra i due centri

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROCCA PRIORA | MONTECOMPATRI (Anna Maria PesceLuciana Vinci) – I lavori che saranno effettuati faranno la felicità di tantissimi cittadini che percorrono quotidianamente con autobus e automezzi il tratto della Provinciale 72 A che collega i centri Rocca Priora e Monte Compatri, attualmente in notevole dissesto stradale.

Ricordiamo, in una nota del passato, che questo tratto stradale è stato costruito agli inizi del 1900, e, all’epoca, non fu possibile avere il “tranvetto” per i troppi costi causati dal terreno montagnoso, e non dimentichiamo lo splendido Ospedale Cartoni, Specializzato in Malattie Respiratorie, grazie alla Eredità dei Cartoni di Roma, Ospedale ”volatilizzato” e al quale arrivavano pazienti da Monte Compatri, dai Castelli Romani e anche dalla Sicilia per gli ottimi Professori del suo Organico.

Queste note solo per ricordare un po’ del passato di Rocca Priora: utilizzata per i suoi benefici anche dai centri vicini.

Verbale di consegna:
• Venerdì 17 Giugno 2022, è stato firmato il verbale di consegna dei lavori per la realizzazione del manto stradale che collega Monte Compatri a Rocca Priora. Il sindaco Francesco Ferri ha partecipato insieme alla collega Anna Gentili, il consigliere di Città Metropolitana Damiano Pucci e la delegata Manuela Chioccia. Gli amministratori hanno fatto il punto della situazione insieme alla ditta che realizzerà i lavori previsti per fine mese. A breve verranno comunicati modalità e tempi degli interventi per limitare il più possibile i disagi – .

«Ringraziamo la Città Metropolitana per gli interventi che andranno a ripristinare un tratto di strada, che oltre a creare enormi problemi agli automobilisti, oggi si palesa con le sue importanti criticità – spiega il sindaco di Monte Compatri Francesco Ferri – Anche questo lavoro rientra in uno spirito di sinergia che vede da parte di noi sindaci necessità di sollecitare interventi risolutivi divenuti ormai inderogabili. Un ringraziamento per la sensibilità dimostrata ai consiglieri Damiano Pucci e Manuela Chioccia».