• Senza categoria

Roma. La mappa della cronaca nera della settimana. Omicidi e morti accidentali. Ne parlano il Questore e l’ex Sindaco…

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROMASconvolta da tutta una serie di fatti di sangue, la Capitale, nel weekend in cui molti suoi abitanti torneranno dalle vacanze, si ritrova spaesata, improvvisamente ripiombata in una realtà cruda e preoccupante.

Roma. La mappa dei fatti di cronaca fine agosto 2014

Roma. La mappa dei fatti di cronaca fine agosto 2014

Una settimana davvero drammatica quella che ha funestato la vita quotidiana di quanti vivono la città anche in questo ultimo scorcio del mese di agosto.

Delitto Eur1 • Domenica 24 Agosto. In Via Birmania all’Eur un italiano dalle difficili condizioni psichiche, Federico Leonelli di 35 anni, uccide con 40 coltellate Oksana Martseniuk una colf ucraina, decapitandone poi il cadavere. Indagini anche sull’uccisione del carnefice da parte della Polizia (tutti i particolari qui •>).

Roma. Agguato all’Anagnina2 • Mercoledì 27 Agosto. In Via Gasperina il 40enne incensurato Pietro Pace rimane vittima di un agguato. Due killer professionisti lo affiancano mentre è in auto e lo uccidono sparando sei colpi di pistola. Sempre più credibile la pista del delitto passionale commissionato (tutti i particolari qui •>).

Cadavere Via dei Coribanti3 • Giovedì 28 Agosto. Ore 11. Il cadavere di un uomo con i capelli biondi e la carnagione chiara, identificato successivamente per Andrei Gabriel Kondratovici, romeno di 26 anni, viene ritrovato nel cassone di un furgone in via dei Coribanti a Torre Angela, una traversa di via di Torrenova. Ucciso a coltellate forse al culmine di una lite tra connazionali (tutti i particolari qui •>).

Carabinieri investigazioni scientifiche4 • Giovedì 28 Agosto. Ore 18. Il cadavere di un uomo dell’apparente età di 40 anni è stato ritrovato privo di vita all’interno di una casa cantoniera abbandonata in Via Guarino Guarini. La vittima, romena, è stata uccisa a calci, pugni e bastonate ed abbandonata tra la sporcizia (tutti i particolari qui •>).

Ci fermiamo qui per quanto riguarda i fatti di sangue riconducibili all’omicidio, più o meno volontario, più o meno premeditato, più o meno… commissionato.

Ma altri fatti di cronaca hanno turbato questa settimana.

Roma. Convento della Congregazione della ResurrezioneA • Venerdì 29 Agosto. Ore 6:30. Una giovane turista polacca, la 19enne Magdalena Grasckza, cade dal terrazzo del 4° piano del convento ‘Casa della Congregazione della Resurrezione’ in via di San Sebastianello, dietro di Piazza di Spagna, sotto Piazza della Trinità dei Monti. Ballava alticcia oltre la ringhiera… (tutti i particolari qui •>).

B • Venerdì 29 Agosto. Ore 10:30. Una donna di 77 anni viene trovata morta nell’androne delle scale di un condominio in Via Pisino. È venuta giù dal secondo o dal terzo piano. La donna non risiedeva nel palazzo. Molto probabilmente si è trattato di un incidente, ma non si esclude l’ipotesi del suicidio…

Insomma… non ci siamo fatti mancare nulla. Ci siamo trovati in ciascuna di queste occasioni a pensare al “giallo”. Alla dinamica, al movente, all’arma del delitto,… e soprattutto all’assassino. Molte delle risposte affidate all’esame autoptico…

Fuori dall’ambito strettamente investigativo, ci si ferma a riflettere su tutta questa concentrazione di fatti di cronaca nera che sembrano rappresentare una recrudescenza della criminalità.

Massimo Maria Mazza Questore Roma

Massimo Maria Mazza Questore Roma

E puntuali arrivano le dichiarazioni del Questore di Roma Massimo Maria Mazza.
«E’ stata una settimana pesante per le Forze dell’Ordine – ha affermato il Questore – sono casi su cui stiamo lavorando e contiamo anche di arrivare a dei risultati. L’importante è che non siano fatti collegati fra loro…» ed ancora, cercando di tranquillizzare l’opinione pubblica «I dati sulla criminalità ci dicono che rispetto all’anno scorso ed all’anno prima ancora c’è un calo costante del 25% dei fatti gravi di sangue».
Infine “la soluzione”: «Dobbiamo meglio organizzare, meglio rapportarci con i colleghi delle altre Forze di Polizia – ha concluso Mazza – per garantire una città sicura…».

Gianni Alemanno ex Sindaco di Roma

Gianni Alemanno ex Sindaco di Roma

E la politica. Dal canto suo Gianni Alemanno, ex Sindaco di Roma: «La nostra città è ormai in mano a nomadi predoni, extracomunitari senza legge e bande nostrane che si contendono il territorio. Quando c’ero io era il far west. Ed ora cos’è?».

Ma di Alemanno, al di là delle considerazioni politiche, ci piace condividere una frase: «L’unica ad accorgersi della situazione è la stampa internazionale che dipinge la nostra città a tinte fosche, spaventando i turisti e colpendo l’immagine della Capitale e dell’Italia. Roma non se lo merita…».

Giulio Iannone

 

Potrebbero interessarti anche...

Top