Ladispoli. Persone sospette nel locale. Sospesa la licenza per 7 giorni ad un bar ristorante nel cuore della movida

Nola FerramentaNola Ferramenta

LADISPOLI – A conclusione di specifici servizi volti a monitorare e a contrastare il fenomeno dello spaccio e della detenzione di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia, in linea con l’azione fortemente voluta dal Prefetto di Roma Matteo Piantedosi in seno al Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, hanno proposto e ottenuto la sospensione della licenza per 7 giorni per un’attività di ristorazione e bar di Ladispoli situato nella zona della movida.

Al proprietario i Carabinieri hanno notificato un decreto firmato dal Questore di Roma ai sensi dell’Art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.) a seguito della proposta inviata dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Civitavecchia in relazione a un grave episodio accaduto proprio all’interno del locale, già sotto la lente degli investigatori per un insolito andirivieni di persone sospette.

Nei primi giorni dello scorso mese di giugno, i Carabinieri del Nucleo Operativo di Civitavecchia, al termine di una mirata attività investigativa e di osservazione, hanno arrestato uno dei soci della citata attività commerciale poiché gravemente indiziato di aver ceduto una dose di cocaina dietro corrispettivo in denaro, all’interno del locale.

Successivamente l’uomo è stato trovato in possesso di altri 15 grammi della stessa sostanza, già suddivisa in dosi pronte alla vendita, nascosti dietro alcune bottiglie di vino, modus operandi che aveva già portato al suo arresto nel 2020.

Ulteriori controlli effettuati, che hanno accertato la continua presenza nel locale di persone gravate da precedenti, anche inerenti le sostanze stupefacenti, hanno consentito di richiedere ed ottenere il provvedimento di sospensione.