La Regione accoglie le ragioni di Serrone: l’istituto comprensivo mantiene la propria autonomia

Nola FerramentaNola Ferramenta
https://www.cronachecittadine.it/wp-content/uploads/2014/01/natale-nucheli-verticale.jpg
Il Sindaco di Serrone natale Nucheli

SERRONE (FR) – «Abbiamo ottenuto una grandissima vittoria, che ci permette di mantenere l’autonomia del nostro Istituto comprensivo e di poter, quindi, continuare ad investire sulle scuole e sull’istruzione dei nostri figli».
Il sindaco Natale Nucheli annuncia così la decisione, adottata dalla Giunta Regionale con l’approvazione del piano regionale del dimensionamento scolastico 2014/2015, di mantenere l’autonomia dell’Istituto comprensivo di Serrone accantonando, ancora una volta, l’ipotesi di accorpamento ad una scuola di un altro comune.
«L’assessore – spiega il sindaco Nucheli – ha recepito le osservazioni che avevamo presentato, evidenziando tutta una serie di criticità e formalizzando una proposta di salvaguardia dell’autonomia delle nostre scuole. Ringrazio, ovviamente, l’assessore alla scuola, Massimiliamo Smeriglio, e gli uffici regionali, perché hanno dimostrato grande apertura al dialogo e al confronto e, sulla base di dati certi e requisiti posseduti, hanno accolto le nostre istanze. Un grazie, ovviamente, va all’assessore alla scuola Bruno Pagliaro e alla consigliera delegata Antonietta Damizia, per l’impegno profuso nella risoluzione del problema, e anche a tutti coloro che ci sono stati vicini e hanno sostenuto e compreso le nostre ragioni».
«Questo – prosegue il sindaco – ci permette di continuare ad investire ancora di più sulla scuola che per Serrone rappresenta il fulcro della vita. A partire dall’ultimo progetto, ‘tutti insieme per la scuola’, che la Regione ci ha finanziato per 10 mila euro e prevede una serie di iniziative ed interventi destinate ai nostri alunni».
In chiusura il sindaco Nucheli non rinuncia ad una piccola battuta: «credo questa sia un’altra risposta concreta al fatto che i referenti politici, spesso irrisi dai nostri avversari, risultano poi fondamentali quando c’è da trovare un interlocutore attento e sensibile a cui avanzare istanze serie che hanno grande importanza per tutta la collettività».