Istituita l’Agenzia Regionale di Protezione Civile con l’approvazione in Consiglio Regionale di una proposta di legge bipartisan

Nola FerramentaNola Ferramenta

Istituita l’Agenzia Regionale di Protezione Civile con l’approvazione in Consiglio Regionale di una proposta di legge bipartisan

ROMA – La Regione approva una nuova legge per la Protezione Civile. L’obiettivo è quello di rispondere in modo più efficiente alle esigenze del territorio con l’aggiornamento delle procedure e delle diverse tipologie di interventi.

Attraverso questo provvedimento viene istituita l’Agenzia regionale di Protezione Civile, una struttura funzionale all’organizzazione delle attività ordinarie e alle gestione delle emergenze.

Essendo dotata di autonomia sia sotto l’aspetto decisionale che su quello finanziario, l’Agenzia sarà in grado prendere decisioni e stabilire interventi con maggiore efficienza e rapidità.

Con questa legge, tra le altre cose, la Regione si propone anche di ridefinire il ruolo dei volontari e degli enti locali, puntando sulla formazione e su un’azione coordinata di interventi.

«Anche questo obiettivo è stato raggiunto. Dopo un’attesa durata trent’anni, il Consiglio regionale ha finalmente approvato la nuova legge sulla Protezione civile che permette al Lazio di dotarsi di una struttura organizzativa efficiente e snella» – è il commento del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: «…è un esempio di come sia possibile produrre fatti concreti in un clima che, insieme alla dialettica democratica, tiene ben presente il bene comune e il valore delle istituzioni».

Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Daniele Leodori (Pd), ha approvato oggi 6 Febbraio, a maggioranza (31 voti favorevoli e 6 contrari) questa proposta di legge regionale n. 42 del 19 giugno 2013, primi firmatari Massimiliano Valeriani (Pd) e Adriano Palozzi (Pdl), concernente: “Sistema integrato regionale di Protezione Civile. Istituzione dell’Agenzia regionale di Protezione Civile”.
A votare a favore tutti i gruppi consiliari di maggioranza e minoranza tranne quello del Movimento 5 Stelle che ha votato contro.