Inaugurazione della Farmacia Comunale di Colleferro all’interno del Centro Commerciale di Via Casilina. La conferenza stampa di presentazione [Video]

Nola FerramentaNola Ferramenta

 

COLLEFERRO (RM) – Tra pochi minuti il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna inaugurerà la nuova Farmacia Comunale realizzata in pochi mesi e con costi contenuti.

Sarà aperta 7 giorni su 7 dalle ore 8,30 alle ore 20,00 – orario continuato – con servizi dedicati ai cittadini ed alle fasce deboli.
La proprietà della licenza farmaceutica rimarrà al Comune, quindi pubblica; mentre la gestione del servizio sarà garantita dall’Azienda Speciale Servizi Comuni (Assc – Colleferro, Valmontone, Labico, Gavignano).

In alto il video dell’intervento del Sindaco Sanna alla conferenza stampa che si è tenuta nell’Aula Consiliare del Comune, nel tardo pomeriggio di ieri, 21 Ottobre.

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

Di seguito il comunicato stampa diffuso nell’occasione.

Un po’ di storia
La storia della farmacia comunale di Colleferro parte dal 1964, anno nel quale la licenza fu affidata ad una società municipalizzata del Comune di Colleferro.
La farmacia comunale ha sempre rappresentato per la città un elemento di identificazione, caratteristico del nostro Comune. La storia della società municipalizzata è stata una storia importante. La farmacia, ubicata nel centro della città rappresentava, oltre alla presenza simbolica dell’istituzione comunale, anche una gestione umile e razionale delle risorse e della cosa pubblica.

Il 2005 rappresenta un anno cruciale per le sorti della farmacia, infatti l’ente decide di cambiare la forma societaria di gestione. Dalla municipalizzata si passa alla S.p.A. una più costosa società per azioni che diviene gestore di entrambe le licenze: quella ubicata tra piazza Italia e Corso Garibaldi e quella ubicata presso il centro commerciale nel quartiere Scalo.
Il 2009 è un altro anno fondamentale, la S.p.A. già con bilanci in perdita, con il “placet” dell’Amministrazione comunale decide di acquistare una nuova sede per la farmacia dello Scalo.
La nuova sede, ubicata all’interno della cosiddetta Cittadella della Sicurezza, rappresenta per la S.p.A. un faraonico sforzo economico.
La società sceglie una forma di gestione completamente diversa: non solo vendita di medicinali ma anche centro estetico. Quest’ultimo sito al primo piano della struttura non è decollato finanziariamente e fattivamente secondo le attese.
Tutti voi ricorderete l’inaugurazione della nuova sede di Via Casilina nel 2011. Un buffet un migliaio di persone, presenti molte alte cariche, Sindaco, Assessori ed ex sindaci e giornalisti.
La nuova sede fu presentata come l’inizio di un percorso che avrebbe dovuto far diventare la farmacia comunale di Colleferro un modello di sviluppo ed efficienza.

Esattamente 4 anni, dopo da quella faraonica inaugurazione, il C.d.A. della S.p.A. presenta presso la sezione fallimentare del Tribunale di Velletri un’istanza per l’ammissione ad una procedura di concordato in bianco.
Dobbiamo ricordare che a peggiorare e rendere più difficoltosa la gestione della farmacia fu anche la scelta dell’Amministrazione di vendere solo una delle due licenze e nello specifico quella di Corso Garibaldi che risultava essere la più redditizia. Tale cessione avviene nel 2014.
Noi ci siamo insediati nel giugno 2015 e abbiamo da prima preso atto della procedura concorsuale che nel giro pochi mesi si era trasformata in un concordato liquidatorio con cessione di beni e della liquidazione volontaria della società.
Il Socio unico ha solo preso atto di situazioni in essere, situazioni create da gestioni precedenti che, operando in modo irragionevole, hanno condannato la S.p.A. alla suo tracollo economico e finanziario. Chi oggi parla e scrive a sproposito entrando anche in una situazione che oramai è in mano da oltre un anno alla sezione fallimentare del Tribunale di Velletri mi sembra un intervento quanto mai inopportuno.
Bella scelta quella di tenere la farmacia con meno valore commerciale e soprattutto portare i libri contabili in tribunale.

Una collaborazione di successo con la ASSC
Il Comune di Colleferro, com’è oramai noto, ha deciso di affidare la gestione del servizio farmaceutico all’ASSC – Azienda Speciale Servizi Comune. Si consolida in questo modo la stretta collaborazione con la partecipata del Comune e se ne migliora la qualità dei servizi.
La licenza rimarrà comunque di proprietà del Comune che avrà responsabilità di eseguire il controllo analogo come richiesto dalle norme vigenti in materia di società partecipate.
Per la gestione della farmacia sono state assunte 5 persone che provengono dalla gestione fallimentare della precedente Farmacia Comunale e vincitori di bando di selezione pubblica, compreso il direttore del punto vendita Dott. Luca Ricci.
La farmacia Comune di Colleferro proporrà un ampio assortimento di medicinali e di servizi assicurando la competenza professionale maturata nel tempo dai farmacisti e tanti altri vantaggi.
Per il Sindaco Sanna “Siamo particolarmente soddisfatti di aver portato a termine l’operazione che sembrava impossibile, persino con un vantaggio dal punto di vista economico per le casse comunali”.
Fondamentale inoltre – continua il Sindaco – per migliorare la fruibilità̀ da parte dell’utenza, il fatto di essere riusciti a garantire un’apertura per tutti i giorni dell’anno 7 giorni su 7 e allo stesso tempo salvaguardare i posti di lavoro dei dipendenti della Farmacia Comune di Colleferro Spa in procedura concorsuale”
La scelta di affidare in concessione a una società “in house”, consente, senza maggiori costi amministrativi, la gestione della Farmacia. Questa soluzione garantirà al Comune, dal terzo anno di esercizio, un canone annuo per l’utilizzo della licenza – precisa Sanna.
La nuova farmacia comunale, aperta al pubblico da sabato 22 ottobre, offre un servizio prezioso per i numerosi utenti del centro commerciale COOP.
La flessibilità̀ di orario, con apertura continuata, fa sì che possa essere un riferimento per chi ha bisogno di tale servizio anche e soprattutto nei fine settimana~.
Naturalmente la gestione della farmacia non comporterà nessun costo per il bilancio comunale. Per arrivare a tale decisione è stata condotta un’analisi comparativa che ha confermato la validità
della scelta di affidare la gestione del servizio farmaceutico all’Azienda Speciale Servizi Comuni.
La Nuova Farmacia Comunale ha cambiato casa e si è trasferita nei nuovi locali in affitto di via Casilina al Km 49.
I due spazi distano tra loro appena 300 metri, ma la nuova sistemazione si carica di un forte significato simbolico che riconosce il fallimento di un progetto faraonico che ha usato solamente soldi pubblici.
La nuova ubicazione s’inserisce in quello che negli anni si è consolidato come un centro commerciale con un numero di visitatori di sicuro interesse e in grado di garantire un potenziale numero elevato di clienti per la farmacia.
A causa di questa gestione la farmacia ha dovuto chiudere i battenti, producendo danno all’azienda e ai cittadini.
Con l’apertura della nuova farmacia siamo riusciti a salvaguardare anche i posti di lavoro per i dipendenti.

Vasto assortimento di prodotti per la salute e il benessere
All’interno di un ambiente moderno e arredato tenendo sotto stretto controllo i costi di ristrutturazione dei locali, la farmacia offre ai cittadini tutto ciò di cui hanno bisogno in tema di salute e benessere. L’elemento fondamentale del servizio offerto dalla farmacia consiste nel dialogo diretto con i clienti in un ambiente piacevole.
La farmacia propone un assortimento completo di medicinali con e senza obbligo di ricetta, integrato da un’ampia scelta di
articoli per la cura della salute e dermocosmetici e di farmaci naturali; in poche parole, tutto l’occorrente per tenersi in forma o tornare in piena forma. Inoltre ci sarà un vasto assortimento articoli di marca propria a prezzi convenienti. La farmacia di Colleferro avrà settori specializzati con vendita assistita per rispondere alle esigenze dei cittadini. Il servizio rivolge le sue attenzioni principalmente alla clientela della terza età.
Stiamo pensando già come migliorare il servizio per i cittadini e in “cantiere” esiste il progetto di consegna dei medicinali a domicilio per le persone anziane.
Saranno previsti inoltre settori specializzati di cosmesi naturale, prima infanzia, omeopatia, erboristeria, veterinaria e puericultura.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top