Il terremoto del Matese avvertito chiaramente anche a Roma ed in tutta la Ciociaria

Nola FerramentaNola Ferramenta

L’epicentro e l’area interessata dal sisma

L’epicentro e l’area interessata dal sisma (click per ingrandire)

IERI pomeriggio, alle ore 18:08:43, una scossa di terremoto del 4.9 grado della scala Richter a 10.5 Km di profondità, ha sconvolto l’area territoriale adiacente al distretto sismico dei “Monti del Matese”.

Erano diversi giorni che la nostra redazione scientifica seguiva gli aggiornamenti in tempo reale forniti dall’Ingv (Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia) riguardanti i terremoti che si registrano in Italia. E proprio in queste ultime settimane l’attenzione era stata catturata da fenomeni di relativa entità, ma di straordinaria frequenza, che venivano registrati nel cosiddetto “Bacino di Gubbio”.
In quell’area, dal 30 Novembre scorso, ad oggi, sono state infatti registrate oltre un centinaio di scosse comprese tra i 2 ed i 3 gradi della scala Richter.

Nelle prime ore di ieri, 29 Dicembre, poco dopo le 2, venivano registrati anche 2 fenomeni nel distretto sismico del “Sannio” (confinante con quello dei “Monti del Matese”), rispettivamente di 2.6 e 2.4 gradi della scala Richter. Subito dopo i movimenti tellurici nel distretto sismico di Gubbio, si sono fatti più… “intraprendenti” superando i 3 gradi della scala Richter (ancora due terremoti, scala 3.3, registrati alle ore 2:56 ed alle 4:50).
Poche ore più tardi, nel pomeriggio, alle ore 18:08, il “crack” tellurico nel distretto sismico dei “Monti del Matese”: 4.9 gradi della scala Richter in un’area al confine tra le Province di Caserta, Benevento ed Isernia.

Terremoto-Matese-4-9 copia

L’epicentro del sisma nel distretto sismico dei Monti del Matese (click per ingrandire)

Da quel momento in poi la terra si ferma a Gubbio (non vengono più registrati movimenti tellurici nell’area di riferimento), ed inizia a ballare inesorabilmente nel Matese: dopo la prima “lieve” scossa di 2.7 gradi, registrata 5 minuti prima di quella molto più forte delle 18:08, uno sciame sismico senza sosta, e con scosse anche molto forti (fino a 3 – 3.2 gradi), ha iniziato a martoriare quest’area facendo registrare, nelle 12 ore successive, almeno una quarantina di scosse tutte superiori a 2 gradi Richter e con profondità variabili tra i 5.7 ed i 38.5 Km di profondità…

Terremoto-Matese-4-9b

I dati tecnici del sisma (click per ingrandire)

Il sisma delle 18:08 (vedi dettagli tecnici nella foto a lato •>) è stato avvertito dalla popolazione in un’area territoriale molto ampia, sia in funzione dell’orografia del terreno lungo la linea d’aria tra l’epicentro ed il luogo della percezione, sia in funzione della posizione relativa del percepente (piani alti, strutture elastiche, superfici sospese, etc…).
E la cronaca conferma in pieno gli effetti di questo sisma…

Roma
E’ stata avvertita anche a Roma la scossa sismica di grado 4.9 Richter che si è verificata alle 18 tra le province di Caserta e Benevento. Soprattutto nella zona sud della città. La Questura di Roma “a seguito di diverse segnalazioni al 113, da parte di cittadini che riferivano di aver avvertito una lieve scossa di terremoto” ha contattato la Protezione Civile che ha confermato che si trattava proprio dell’evento sismico con epicentro tra le province di Caserta e Benevento.
Ciociaria
Paura anche in provincia di Frosinone per la forte scossa di terremoto registrata nel pomeriggio nel distretto dei Monti del Matese. Il sisma è stato avvertito anche in Ciociaria, a Cassino, Sora e Frosinone. Numerose le chiamate giunte al centralino del comando provinciale dei vigili del fuoco. Dalle prime verifiche svolte dai pompieri, nel Frusinate non si segnalano danni a cose o persone. A Cassino un’anziana signora scesa repentinamente in strada è stata investita da un’auto: è ricoverata all’ospedale non in pericolo di vita.
Napoli
Il sisma è stato avvertito con intensità soprattutto ai piani alti delle abitazioni in diversi quartieri del capoluogo partenopeo.
Nelle strade affollate dello shopping a Napoli il passaparola è stato immediato. Tra le persone scese in strada anche turisti spaventati che si trovavano in albergo per i giorni di Capodanno.
Campobasso
Gente in strada anche nel capoluogo molisano, dove di verse famiglie hanno deciso di trascorrere la notte in automobile. Momenti di panico a Campitello Matese, la più importante località sciistica del Molise, molto vicina all’epicentro: centinaia di turisti si sono riversati nei piazzali e nei parcheggi della località; qui gli alberghi sono strapieni di villeggianti provenienti dalle regioni vicine.

AGGIORNAMENTO (30/12/2013 h. 9:00)

Corpo dei Vigili del Fuoco
Dal Centro Operativo Nazionale è stata disposta l’allerta delle Sezioni Operative del Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia e Calabria, mentre è stato trattenuto il personale nei Comandi di Caserta, Benevento e Napoli.
In serata sono stati attivati i Centri Coordinamento Soccorso presso le prefetture di Caserta, Benevento e Napoli e il Centro Operativo Comunale presso il comune di Benevento. Dislocata una Unità Comando Locale presso il comune di Piedimonte Matese.
Numerosi eventi sismici sono stati registrati, con stesso epicentro, tra le ore 18.03 e le 05.15 di magnitudo compreso tra 2.3 e 3.7.

 G.I.

Potrebbero interessarti anche...

Top