Genazzano. Un buon segno lasciato dalla pandemia. “Accorciamo le distanze”: un gemellaggio tra le scuole di San Vito ed Olevano Romano

Nola Ferramenta outfitNola Ferramenta outfit

GENAZZANO – “Accorciamo le distanze”. È questo lo slogan che l’Istituto Comprensivo “Garibaldi” di Genazzano, sede di San Vito Romano, e l’Istituto Comprensivo di Olevano Romano, hanno fatto proprio nella giornata conclusiva del progetto gemellaggio tra gli studenti della scuola secondaria delle due istituzioni formative.

Farmacia Comunale Colleferro ScaloFarmacia Comunale Colleferro Scalo

La manifestazione è stata ricca di eventi, dalla passeggiata alla scoperta del territorio locale, alla condivisione di letture in prosa e poesie, ed è giunta al terzo anno consecutivo di realizzazione.

La grande novità di quest’anno è stata la preziosa partecipazione della scuola primaria con le classi quinte guidate dalle maestre Scolastica Sales, Stefania Sebastianelli, Paola Antonelli, Maria Carmela Ferraro.

Ecoerre-Poliambulatorio_SpecialisticoEcoerre-Poliambulatorio_Specialistico

Gli alunni di Olevano, che “giocavano in casa”, hanno fatto da “Ciceroni” ai loro colleghi di San Vito in uno scambio di curiosità ed informazioni tra pari su cui sono germogliati nuovi legami di amicizie.
Una giornata di condivisione divertente, creativa e formativa trascorsa insieme.

Attraverso il gemellaggio le professoresse Michela Costantini, Annamaria Tabolacci, Beatrice Pizzi, ed Enrica Micocci hanno voluto offrire agli studenti della scuola secondaria l’opportunità di rafforzare le competenze culturali ed educative, le competenze relazionali e di socializzazione con persone e contesti diversi dalla propria.

Ed è così che è nato questo gemellaggio nell’Anno Scolastico 2021-22, in maniera virtuale a causa della pandemia da coronavirus, concluso con esperienze condivise per percorrere insieme una strada, creando nuovi ponti.
Il progetto ha infatti potenziato l’offerta formativa e didattica offrendo un’occasione di crescita per insegnanti e studenti.

Il prossimo anno si avrà la partecipazione di nuove classi, per realizzare una scuola sempre più cooperativa e collaborativa con il territorio e per realizzare un ambiente di vera inclusione.