Gavignano. Un bel gesto di amore della Protezione Civile verso una gazza ladra ferita impigliata tra i rami di un pino

Nola FerramentaNola Ferramenta

GAVIGNANO – Nella giornata di ieri, 19 Luglio, la Protezione Civile di Gavignano è stata impegnata in una lunga operazione che ha visto protagonista una bellissima gazza ladra.

Il corvide era infatti rimasto impigliato su di un pino a circa 10 metri di altezza in contrada Macerone.

Estate a Teatro

Grazie all’intervento degli uomini della Protezione Civile l’uccello è stato liberato: l’allarme era stato dato nelle primissime ore della mattina dai proprietari del terreno nel quale il grande albero è posizionato.

La gazza ladra era impigliata, si dimenava e beccava in continuazione si se stessa con l’intento di liberarsi ma solo in tarda serata la Protezione Civile è riuscita a liberare il volatile con l’ausilio di una piattaforma sulla quale un volontario ha potuto afferrarlo e portarlo in salvo dando all’eccello le primissime cure.

La piccola gazza ladra si presentava con entrambe le zampette, volutamente legate da uno spago che gli ha procurato purtroppo una frattura ad una delle due arti, probabilmente era stata catturata ed è riuscita a spiccare il volo.
Il volatile è ora affidato alle cure amorevoli dei proprietari dell’abitazione che non appena sarà guarita la rimetteranno in volo.

Un nobile gesto sia della Protezione Civile di Gavignano, che non ha esitato ad intervenire al salvataggio del volatile, sia dei proprietari dell’abitazione che hanno dimostrato sensibilità verso un piccolo volatile ferito.

 

Top