Frosinone. Ancora un successo e grandi numeri per “Corde di Primavera”, la III Edizione dell’importante festival chitarristico

Nola FerramentaNola Ferramenta

FROSINONE (Eledina Lorenzon) Oltre 10mila visualizzazioni degli eventi trasmessi in streaming, più di 600 persone in presenza distribuite su 6 eventi, artisti internazionali, esecuzioni uniche, una masterclass che ha ospitato i più talentuosi chitarristi delle nuove generazioni.
Ed ancora, emozioni, riscoperta degli spazi della città, ritorno in sicurezza alla musica dal vivo.

Sono questi i numeri di Corde di Primavera – III Edizione, il Festival Chitarristico che si è svolto nella città di Frosinone, nelle splendide location della Villa e dell’Auditorium Comunale “Paolo Colapietro”.
Un mese di eventi ed incontri conclusisi Sabato 12 Giugno con il superlativo concerto di Domenico Mottola, ultimo vincitore del Concorso internazionale “Tàrrega” di Benicassim, una delle competizioni musicali più importanti al mondo.

Estate a Teatro

I numeri dicono molto ma non possono raccontare tutto, le sensazioni, la percezione di maturità che il Festival, dopo tre edizioni e il brusco stop dovuto al lockdown 2020, ha raggiunto.

Il livello degli artisti, alto fin dalla prima edizione, cresce progressivamente, senza dimenticare i giovani talenti e le eccellenze del territorio; la chitarra, pur in un contesto di Festival dedicato, si apre al pubblico non specialista, rivelandosi un mondo musicale ricco e affascinante anche per chi scopre il suo repertorio per la prima volta. Forse questo è il più importante risultato raggiunto dagli organizzatori, l’Associazione Neos Kronos di Colleferro con la Direzione Artistica del M° Stefano Spallotta ed il coordinamento territoriale del M° Katia Sacchetti, che hanno sempre creduto nella validità e nella maturità di questo progetto, certi che il frusinate potesse rispondere positivamente ad una tale offerta artistica e culturale.

A partire dalla prestigiosa presenza del M° Frédéric Zigante, titolare della Masterclass annuale del Festival, vanno ricordati i nomi di tutti gli artisti del cartellone, un autentico viaggio nelle potenzialità espressive dello strumento, solistiche e cameristiche: Giovanni Masi, Simone Salvatori, il Duo Pace/Poli Cappelli, Stefano Spallotta con il Quartetto Foldec, il Duo de Passaggio ( Gaeta/Ranieri) ed il già citato Domenico Mottola.

Come spiegano gli organizzatori, è stato indispensabile poter contare sul supporto di realtà territoriali importanti, che hanno contribuito alla realizzazione dell’intera manifestazione. In particolare Banca Popolare del Cassinate, tramite l’azione concreta del Presidente Dott. Vincenzo Formisano e Itas Assicurazioni – filiale di Frosinone, sono state attente e presenti nel trasformare in energia concreta il progetto del Festival, di cui hanno sposato la filosofia divulgativa e di crescita culturale territoriale.

Concreto e fattivo anche il supporto degli Enti pubblici coinvolti: il Comune di Frosinone, tramite l’Assessore Rossella Testa, l’Assessore Dott.ssa Valentina Sementilli ed il Consigliere Corrado Renzi, la Provincia tramite il Dott. Luigi Vacana e l’ex-presidente Dott. Giuseppe Patrizi.

Il periodo difficile rappresentato dalla emergenza Covid, non ha dunque impedito di costruire un evento all’altezza delle aspettative, ma anzi lo ha spinto ad affrontare una nuova dimensione, coniugando reale e virtuale, attraverso la trasmissione in streaming dei contenuti degli eventi; le quasi otto ore di diretta streaming, realizzate in collaborazione con l’Associazione Trousse e l’Associazione Coltivarte, hanno avuto una grande risposta di pubblico, con migliaia di contatti ed interazioni.

Il Festival ha cosi potuto aprirsi ad un pubblico nuovo che la sola esperienza in “presenza” non avrebbe potuto raggiungere.
La programmazione degli eventi non si esaurisce, però con la fine della Primavera; il Festival infatti si candida ad essere nel corso dell’anno attivo promotore di incontri e concerti, accompagnando le sessioni annuali del Master di interpretazione ( previste per settembre e dicembre 2021) con altri imperdibili eventi.

(si ringrazia Stefano Strani per le foto)

 

Potrebbero interessarti anche...

Top