Colleferro. Sul rinvio della “Commissione sugli impianti sportivi”, interviene Matteo Pasqualoni: la persona che avrebbe voluto assistere…

Nola FerramentaNola Ferramenta

MatteoPasqualoni2-f

COLLEFERRO (RM) – Sulla questione relativa al rinvio della riunione della Commissione consiliare “Affari generali” – convocata Lunedì 18 Luglio scorso e rinviata a domani, Venerdì 22 Luglio – ci giunge in redazione un comunicato della persona che aveva deciso di assistere alla riunione, Matteo Pasqualoni.

«Non era mia intenzione intervenire pubblicamente sull’argomento, ma visto che l’ultimo comunicato emanato dal consigliere Guadagno •> presenta delle inesattezze mi sento obbligato a chiarire lo svolgersi degli avvenimenti che hanno portato alla sospensione della seduta di lunedì della commissione affari generali. Questo perché la strumentalizzazione della cosa porterebbe solo ad inutili danni alla cittadina e non voglio, in questo, avere responsabilità.

Nell’ultima riunione con le società sportive, i dirigenti presenti erano stati esortati a collaborare con l’amministrazione che avrebbe iniziato la stesura del regolamento sulla gestione degli impianti sportivi. Con questo spirito lunedì alle 19 mi sono recato in municipio per assistere alla seduta della commissione che aveva come unico punto all’ordine del giorno, proprio la stesura di tale regolamento.

Non riuscendo a trovare la stanza dove si stava svolgendo la seduta e non potendo chiedere a nessuno, essendo, in quell’orario, il municipio deserto, ho iniziato a telefonare ai consiglieri membri di tale commissione.

Nell’ordine ho telefonato prima al presidente, lo stesso Guadagno, poi al vicepresidente, il consigliere Palombi ed infine al consigliere Girardi.

Solo quest’ultimo infine ha risposto alla mia telefonata comunicandomi che la seduta si teneva in «sala giunta» e non in «sala consiliare».
A quel punto decidevo di recarmi nella suddetta sala e dopo aver bussato e aperto la porta, venivo fermato alle parole «aspetta un secondo, ci stiamo informando se puoi assistere».

Stupito dalla cosa, ma consapevole che il regolamento prevede la pubblicità delle sedute, cosa che facevo notare in quel momento, decido di aspettare la consultazione del regolamento.

Una volta appurato che nulla mi impediva di assistere alla seduta, visto che si discuteva di un regolamento generale e non di un caso personale e specifico, la seduta è stata aggiornata e rinviata a venerdì.

Non si capisce cosa sia accaduto quindi di “increscioso”. Forse un cittadino che vuole partecipare come è suo diritto (e a mio avviso anche dovere civico), non trovando la sede preposta alla riunione avrebbe dovuto semplicemente andarsene?

E non si capisce cosa ci sia di “delicato e personale” nella stesura di un regolamento generale che riguarderà tutti gli impianti sportivi della città. Anzi rientra perfettamente nella definizione di “generalità” adottata nel diritto amministrativo, ma forse questi sono miei tecnicismi da giurista.

Mi scuso, così come ho fatto anche in quella sede, se la mia presenza ha causato un trambusto del genere, ma come sono solito assistere alle sedute del consiglio comunale, così volevo assistere alla seduta della commissione.

Qui non ci sono cittadini irati, ma desiderosi di partecipare. Se lo sport a Colleferro è un eccellenza, lo si deve anche alla collaborazione stretta che c’è sempre stata tra le società sportive e le amministrazioni comunali susseguitesi negli anni. Sono sicuro che tale collaborazione continuerà serenamente, per poter arrivare a risultati sportivi e sociali ancora più elevati degli già lodevoli odierni».

F.to Matteo Pasqualoni

 

Potrebbero interessarti anche...

Top