Colleferro. Nuova viabilità sulla SS6 Casilina da rivedere. Uno STOP inutile e pericolosissimo! Chi è stato quel genio?

Nola Estate 2019Nola Estate 2019

COLLEFERROCi troviamo su Via Casilina, la Strada Statale n. 6 Casilina, all’altezza dell’ingresso all’area Slim (Truck Village).

Come riferito in un nostro precedente articolo [questo •>], la viabilità in quell’area è significativamente cambiata riportando ad una sola carreggiata il tratto viario; carreggiata che è tornata ad essere a doppio senso.

Volantino Marmorato Expert Colleferro – Un regalo a tutto volume - 11-24 Luglio 2019

In occasione di quella variazione si rese necessario pubblicizzare in maniera più ampia possibile il ripristino del doppio senso di marcia su un’unica carreggiata, essendo gli automobilisti del luogo abituati alla doppia corsia per senso di marcia.

Oltre agli articoli sui mass media si è intervenuto massicciamente – e giustamente – anche sulla segnaletica verticale ed orizzontale.

Peccato che – come spesso accade in occasioni del genere – ci si è preoccupati così tanto di risolvere un problema di sicurezza che di fatto se ne è creato un altro forse anche più grave.

All’indomani del provvedimento abbiamo letto (e pubblicato qui •>) l’ordinanza del Sindaco Pierluigi Sanna.
Al punto 2, secondo comma, si legge: «Istituzione del segnale di STOP “fermarsi e dare precedenza” a destra e sinistra per i veicoli che si immettono su Via Casilina, tratto di strada di competenza Anas, per svoltare sia a destra direzione Valmontone e sia a sinistra direzione Colleferro».

Ebbene, in realtà, chi si immette sulla Casilina in quel punto, ed intende procedere verso Valmontone, non potrà mai incrociare veicoli provenienti da destra o da sinistra: semplicemente perché la corsia sulla quale sta viaggiando confluisce sulla corsia nel medesimo senso di marcia della via Casilina.
Non è un incrocio. È una confluenza.
È come se, per entrare in autostrada, in fondo alla corsia di accelerazione vi fosse uno STOP.
Per dare precedenza a chi?

Abbiamo subito segnalato la questione al Sindaco, il quale – dal canto suo – ci ha risposto che tale disposizione è stata pretesa dall’Anas.

Siamo davvero curiosi di sapere chi è quel genio che ha prescritto una simile disposizione.

Al di là dell’assurdità oggettiva di uno STOP posto in quel punto, non si è preso in considerazione il fatto che, arrestando la marcia in corrispondenza di quello STOP, si rischia seriamente che il conducente distratto dell’auto che segue, nell’inutile tentativo di assicurarsi che nessuno provenga da sinistra, tamponi violentemente chi – altrettanto inutilmente – si è fermato ad uno STOP dove non c’è da dare la precedenza a nessuno, perché nessuno potrà mai provenire da una strada laterale che non c’è.

In verità è inutile anche lo STOP per chi intende procedere verso Colleferro, perché anche qui siamo su una corsia di accelerazione che confluisce sul breve tratto a due corsie e ad unico senso di marcia, che di lì a poco torna a doppio senso di circolazione, come prima…

 

Potrebbero interessarti anche...

Top