Colleferro. La 2^ Giunta Sanna approva il Bilancio triennale 2021-23. Grandi opere pubbliche e 13 nuove assunzioni

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO – Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, 19 Marzo, presso l’Aula consiliare del Comune di Colleferro, la seduta del Consiglio comunale che, tra l’altro, ha approvato il Bilancio di previsione triennale 2021/23.

Il punto all’ordine del giorno è stato approvato con i 13 voti favorevoli della maggioranza, il voto di astensione del Consigliere Mario Cacciotti, ed i due voti contrari dei Consiglieri di Fratelli d’Italia.

La seduta è stata trasmessa in streaming (ed è disponibile) a questo link [https://youtu.be/mfkSf8nD1hs], ma in particolare sul Bilancio, il Sindaco Pierluigi Sanna, e gli Assessori Francesco Guadagno (Bilancio) e Sara Zangrilli (Programmazione opere pubbliche), hanno tenuto questa mattina un’apposita conferenza stampa, anch’essa svoltasi in videoconferenza.

«Il Bilancio che abbiamo approvato – ha esordito l’Assessore al ramo Francesco Guadagno – tiene conto della contingenza che stiamo vivendo e cioè della pandemia. In primo luogo c’è un “pacchetto Covid”, 200mila euro inizialmente destinati allo scomputo della Tari e che – nel rispetto della normativa, cambiata nel frattempo – rappresenteranno ristori a fondo perduto a favore delle imprese, indipendentemente dai codici Ateco, ma secondo la logica della diminuzione del fatturato, la stessa usata anche dal Governo Draghi – proprio ieri – nel Decreto ristori dal quale arriverà al nostro Comune un cifra intorno al milione di euro.
I 200mila euro stanziati dal Comune non rappresentano certamente la risoluzione delle criticità alle quali sono costretti a far fronte i commercianti, le imprese e le partite Iva, ma un segnale che insieme ad altre iniziative già attivate e messe in campo ed a quelle che andremo ad attivare (aiuti alle famiglie, terzo bando buoni pasto, sostegno ai cittadini per gli affitti e le utenze,…).

Fondi importanti sono stati stanziati nei settori della Cultura, degli eventi e degli spettacoli, in considerazione dell’indotto utile anche a rivitalizzare il commercio locale.

Altro capitolo importante riguarda l’ammodernamento della macchina amministrativa.
Dopo una diminuzione del personale in pianta organica del 40% del personale negli ultimi cinque anni, torniamo a prevedere nuove assunzioni.
Si tratta di 13 nuove assunzioni (quattro tecnici, due agenti della Polizia Locale, un bibliotecario, un funzionario ambientale, un autista, un assistente sociale, 3 impiegati) e 5 unità, già in forza presso il Comune di Colleferro, che rientreranno da Cilia al servizio manutenzioni.
Sono previsti aggiornamenti dei sistemi digitali in uso, sia in termini di hardware che di software, che consentiranno di ampliare i servizi online offerti ai cittadini.

Verranno rinnovati anche diversi mezzi, vecchi di oltre 30 anni, soprattutto nell’ambito dei servizi di manutenzione.

Sul fronte degli affitti passivi vogliamo riportare la Polizia Locale in centro e concedere quei locali – nel frattempo tornati di proprietà del Comune – al Centro per l’impiego, eliminando così l’ultima locazione passiva che abbiamo in bilancio.

Verrà fatto un intervento di spending review sulle utenze pubbliche, nominando un “Energy manager” che si occuperà nello specifico proprio di questo aspetto.

Abbiamo accolto la richiesta del Comune di Segni al fine di mantenere nel nostro ambito territoriale il Giudice di Pace in collaborazione con le altre municipalità interessate con uno spirito che supera il colore politico delle rispettive Amministrazioni comunali.

Due grandi iniziative saranno rappresentate da “Colleferro Capitale Europea dello Spazio” e dalla creazione dello “Sportello Europa” che in un primo tempo formerà le associazioni dando strumenti utili per accedere ai finanziamenti del Recovery found…».

Sul planning di interventi nel settore delle opere pubbliche, nel triennio 2021/23, è intervenuta l’Ass. Sara Zangrilli che ha subito citato i capitoli di intervento previsti: si va dall’edilizia scolastica, agli edifici comunali, alla viabilità, al verde pubblico, all’efficientamento energetico ed alla sistemazione degli impianti sportivi.

«In alcuni casi si tratta di interventi “necessari” – ha affermato l’Ass. Zangrilli – come ad esempio il rifacimento del manto erboso del Campo sportivo di Via Berni.

Altri invece sono interventi di “programmazione” come la realizzazione di un Palazzetto dedicato alle arti marziali, un secondo campo sportivo per il rugby, lo spostamento dell’Ipia da Via Palianese a Colle dell’Elefante, la nuova Caserma dei Vigili del Fuoco ai Piani Artigianali, la strada di collegamento da Via Fontana dell’Oste a Via Carpinetana ed anche un percorso fitness all’aperto.

Per quanto riguarda il Parco del Castello abbiamo appena varato un bando di concorso per raccogliere idee utili a renderlo completamente fruibile per i nostri concittadini.

Per quanto riguarda la pista ciclabile sono previste le realizzazioni del 1° (dal Castello Vecchio allo Scalo) e del 3° stralcio, mentre il 2° è ad uno stadio più avanzato di realizzazione e prevede il tratto dal Castello Vecchio al IV Km.

Tra le altre cose è prevista l’acquisizione del Sacrario ed anche del piano superiore del medesimo edificio che diverrà importante luogo di rappresentanza per la città…»,

In chiusura di conferenza stampa è intervenuto il Sindaco Pierluigi Sanna che, tornando su alcuni degli interventi previsti presentati dagli assessori, ha aggiunto che «sono previsti anche importanti restyling delle zone industriali (Sloi e Piani artigianali), la realizzazione di un nuovo ufficio tecnico a Via Nobel, nuovi locali per la Biblioteca Comunale, acquisizione dei parcheggi di Secosvim a ridosso del parcheggio multipiano ed, entro il 2022, l’apertura di Via Romana».

«Unitamente agli Assessori presenti ed a tutta l’Amministrazione comunale – ha concluso il Sindaco Sannadesidero ringraziare tutto il personale comunale per il lavoro svolto nella stesura del Bilancio e del Documento di programmazione unica, in un momento particolarmente difficile sia a causa della pandemia, e delle conseguenti restrizioni, sia per il numero ridotto di unità lavorative, anche dirigenziali, da poter attivare in tal senso…».

 

Potrebbero interessarti anche...

Top