Colleferro. Il Sindaco Sanna risponde a Sozzi: «Fare demagogia è molto semplice ma analizzare i fatti e le documentazioni è un’altra cosa…»

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Nella mattinata di ieri, 29 Dicembre, pubblicavamo una circostanziata lettera del dr. Valentino Sozzi, Presidente della Libera Associazione Imprese e Professionisti CSR •>.

Ci giunge ora in redazione la risposta da parte del Sindaco Pierluigi Sanna che pubblichiamo di seguito.

«Ad un anno e mezzo di consiliatura, non a metà, come scritto nella lettera aperta del dr. Valentino Sozzi, egli ritiene, sicuramente a ragione, di rappresentare la cittadinanza attiva della città ma non si accorge di non avere la patente per giudicare e fare bilanci sull’operato pur breve della mia amministrazione.

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

A noi che amministriamo una grande città come Colleferro, interessa moltissimo fornire sostegno alle imprese, ma di certo dobbiamo possedere una visione più alta rispetto alle singole realtà imprenditoriali che non possono condizionare le libere scelte di chi amministra.

La prova di quanto sopra affermato è la delibera approvata da pochi giorni fa in Consiglio Comunale sulla riduzione della Tari del 10% e del 15% per l’anno 2017 per artigiani e commercianti e la nostra partecipazione a progetti e bandi regionali tipo Fondo Futuro e Rete d’Impresa, che hanno ottenuto una forte adesione (confortandoci sul fatto che il percorso intrapreso sia quello giusto).

Queste iniziative hanno coinvolto complessivamente un centinaio tra commercianti ed artigiani.

Ci siano battuti, con risultati positivi, affinché Colleferro rientrasse nell’area di crisi complessa di Frosinone sulla quale la Regione ha stanziato fondi ingentissimi:
per noi questo significa un reale sostegno alle imprese in un rapporto sano che da parte nostra metta l’interesse pubblico al primo posto, al centro del nostro agire amministrativo e non dimenticando mai, come avvenuto in passato, di essere una pubblica amministrazione.

Per quanto riguarda gli argomenti relativi allo Sloi e ai Piani Artigianali, vorrei sottolineare che:

1) Sul primo siamo intervenuti per ripristinare strade e verde per importi che posso specificare in ogni pubblica occasione. La presenza della discarica in loco non potrà in ogni caso superare il 2019 (ricordo che la nascita della discarica ha nomi e cognomi);

2) Sui Piani Artigianali la storia ha dell’incredibile e si fa veramente drammatica: un Presidente dimissionario, non per incapacità, ma per l’aver trovato una situazione quasi insostenibile data da crediti non riscossi e debiti esistenti •>.
Crediti che i consorziati morosi devono al Consorzio per la quota associativa e che si giustificano nascondendosi dietro inadempienze del Comune. Consorzio del quale anche il Dottor Sozzi è socio attraverso la sua azienda.

Mi domando come mai tanta voglia di far sentire la propria voce non sia emersa così chiaramente qualche anno fa?
Perché qualche socio consorziato non ha alzato la voce in sede assembleare rivendicando anche all’epoca il proprio diritto/dovere di controllare cosa avvenisse nella gestione pubblico/privata del Consorzio?
Perché nessuno in sede assembleare ha notato anomalie contabili, ancora oggi da verificare, riconducibili alla gestione del Consorzio?
Perché nessuno ha posto interrogativi relativi al fatto che il Consorzio dal 2013 non approvava più bilanci consuntivi e da anni non presenta bilanci di previsione all’assemblea?

Sono domande che mi pongo da mesi e la lettera aperta di questi giorni non fa che aumentare i miei dubbi.
Fare demagogia è molto semplice ma analizzare i fatti e le documentazioni è un’altra cosa.
Risolvere i problemi anziché parlare è invece la vera rivoluzione».

F.to Il Sindaco Pierluigi Sanna

 

Potrebbero interessarti anche...

Top