Colleferro. Il Sindaco Pierluigi Sanna rendiconta alla città su quanto fatto nel settore dei lavori pubblici: «Sembra che abbiamo governato per vent’anni…»

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRONel tardo pomeriggio di Sabato 28 Settembre, il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna ha incontrato i cittadini al mercato coperto in occasione di un rendiconto sul tema dei lavori pubblici.

Tra il numeroso pubblico intervenuto segnaliamo la presenza al completo della Giunta, con in testa l’Assessore al ramo Umberto Zeppa, di quasi tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di diversi dipendenti comunali.

Dopo aver annunciato l’argomento al centro del suo intervento, il Sindaco ha chiarito subito che avrebbe parlato esclusivamente di progetti realizzati e di progetti in via di realizzazione, già approvati/finanziati.

«Stasera non parliamo di opinioni o di notizie, parleremo solo di cose concrete. Di ferro, di cemento, di restauri, di asfalto… solo di cose che i cittadini possono vedere che sono inconfutabili e che non possono essere discusse.
È una serata istituzionale, non è una serata politica, una serata in cui l’Amministrazione rende conto alla città, a qualsiasi persona, in qualsiasi modo la pensi, ciò che è stato fatto in questi anni…»

 

Di seguito le due slides – con le quali il Sindaco ha introdotto l’argomento “Lavori Pubblici” – che riassumono – seppure non nell’ordine di trattazione – gli investimenti dedicati a ciascun ambito.

 

Scuole
E ad aprire il lunghissimo elenco di opere e numeri è il settore delle scuole, quello in cui sono stati investiti più soldi. Finanziamenti intercettati – come il Sindaco ripeterà più volte nel corso dell’incontro, e non solo per questo settore – rispondendo a bandi europei, regionali e della Città Metropolitana di Roma, partecipando con fondi comunali sufficienti solo a cofinanziare interventi di questo livello.

 

 

Edifici comunali
Sul tema il Sindaco parte dal mercato coperto, che ospita l’incontro, per arrivare all’arredo urbano “green”, passando per l’ampliamento del cimitero, i miniparcheggi, la bonifica amianto, l’Auditorium dello Scalo, l’efficientamento energetico del museo, la rete idrica e le problematiche relative al deflusso delle acque reflue, affrontando anche l’annosa questione degli allagamenti in Via Fontana dell’Oste.

 

 

Strade, Verde pubblico e Decoro urbano
Sciorinando il numero degli interventi effettuati – dalle strade asfaltate, a quelle restituite allo Stato (Casilina) a quelle messe in sicurezza – sostanzialmente il Sindaco ha tenuto a sottolineare che «In un quinquennio (che non si è ancora concluso) a Colleferro non sono mai state asfaltate tante strade quante in questo che è ancora in corso. E tutti i lavori sono stati finanziati o attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, o attraverso gli oneri di urbanizzazione. Tutto SENZA i soldi degli inceneritori e della discarica… il 6 Ottobre pianteremo 100 alberi sulla discarica di Colle Fagiolara, perché il 6 Ottobre parte il post-mortem della discarica. Tre mesi prima della chiusura…».

 

 

Impianti sportivi e Sicurezza
«Gli investimenti fatti in questo settore – ha affermato il Sindaco – sono stati secondi solo a quelli effettuati per le scuole… Sono stati efficientati dal punto di vista energetico, tutti gli impianti sportivi comunali… E tra pochi mesi rifaremo anche il tetto del Palazzetto dello sport».
Interventi radicali anche nel settore dell’illuminazione pubblica, con sostituzioni, ripristini e nuove realizzazioni.

 

 

Attività in programma
Sono sostanzialmente questi gli elementi rilevanti che riguardano le attività programmate che andranno a realizzarsi entro il termine della consiliatura: il Parco del Castello (con l’esproprio dell’area finanziato con i soldi del ristoro ambientale della discarica), la nuova caserma dei Vigili del Fuoco nell’area all’ingresso dei Piani artigianali, la Pista ciclabile (grazie all’aggiudicazione di due bandi specifici), interventi sull’edificio ex Ipia (che ospiterà la Biblioteca comunale, il Museo dello Spazio, una nuova palestra,…), il cavalcavia tra Via Fontana dell’Oste e Via Carpinetana Nord (che eviterà il passaggio dei mezzi pesanti al “Colosseo”).
Solo “sfiorato”, nel corso dell’incontro, il riferimento all’apertura di Via Romana, anche se si ha la sensazione che anche in tal senso potranno esserci delle novità.

 

 

Conclusioni
«In considerazione di quanto fatto – ha concluso il Sindaco – ho la sensazione che il mio mandato sia durato una vita. Abbiamo tanti sogni nel cassetto dei quali non abbiamo parlato. Stasera abbiamo parlato dei sogni che avevamo nel cassetto e che abbiamo concretizzato.
I sogni che abbiamo fatto in questi quattro anni ve li racconteremo nei cinque anni successivi, quando avremo i mezzi e le risorse per realizzarli…».

 

(servizio fotografico in collaborazione con Eledina Lorenzon)

 

Potrebbero interessarti anche...

Top