Colleferro. Fugge da una casa famiglia di Artena per compiere rapine col fidanzato egiziano. Poi si mette in proprio… 17enne italiana fermata dalla Polizia

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO | ARTENA – Una minorenne italiana è stata sottoposta a “fermo di indiziato di delitto” per rapina aggravata dagli agenti del Commissariato della locale Polizia di Stato mentre prendeva il treno in stazione.

L.Y., 17enne italiana, viveva – a causa di alcuni precedenti – presso una casa famiglia di Artena dalla quale fuggiva spesso anche per lunghi periodi nel corso dei quali trovava ospitalità in un’abitazione di Colleferro Scalo che condivideva con altri pregiudicati.

Il 14 Gennaio scorso veniva nuovamente denunciata per aver partecipato ad una rapina in concorso con il fidanzato – un 24enne di origine egiziana residente a Colleferro – che in quell’occasione veniva arrestato dagli agenti del Commissariato di Polizia “Viminale”.

Nuovamente ristretta, questa volta in un centro di prima accoglienza di Roma, fuggiva ancora, e di nuovo – da sola – “adescava” un appartenente alle Forze dell’Ordine all’interno del McDonald’s di Via Giolitti, appena fuori della stazione ferroviaria di Roma Termini.
Nel caso specifico riusciva a sottrarre al malcapitato il tesserino, l’orologio, lo smartphone ed il portafogli contenente 150 euro.

La conseguente denuncia interessava la Questura di Roma che prontamente diramava l’informativa ai Commissariati dipendenti e veniva quindi attivato il Commissariato della Polizia di Stato di Colleferro, il cui Dirigente, dr. Angelo G. Vitale (già Vicedirigente proprio in quel Commissariato), ha ben presto individuato la ragazza.

Agli investigatori del locale Commissariato di Polizia sono bastate infatti poche ore per rintracciare la ragazza che veniva prontamente fermata (fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata) la sera dello scorso Venerdì 17, mentre si accingeva a prendere il treno in stazione a Colleferro.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top