Colleferro. Con il “Festival Musicale d’Autunno”, organizzato dalla Corale “G.B. Martini”, la musica torna ad essere protagonista di un fine settimana in città

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO – La musica protagonista del fine settimana a Colleferro con l’evento il “Festival Musicale d’Autunno” presentato dall’Associazione Corale Polifonica G.B. Martini di Colleferro con la Direzione Artistica del M° Massimo Di Biagio.

Il progetto è stato realizzato grazie al contributo della Regione Lazio attraverso il Bando “L’autunno delle Meraviglie 2020” ed il Patrocinio del Comune di Colleferro e si è svolto, in assoluta sicurezza nel rispetto delle norme anti-covid 19 con l’obbligo di mascherina e distanziamento fisico, nell’insolita cornice del PalaOlimpic.

Due serate di grande musica che la Corale Giovan Battista Martini, associazione che da decenni svolge un ruolo primario di promozione culturale e sociale attraverso la musica ed il canto, ha organizzato con grande entusiasmo e passione avvalendosi, nella presentazione, della bella e preparata Anna Maria Ranelli che ha saputo dare alla serata un tocco di grande piacevolezza.

Era presente anche il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna che nel suo intervento, citando la frase di Aldo Moro – «Se fosse possibile saltare questo tempo e andare direttamente a domani, credo che tutti accetteremmo di farlo, ma non è possibile. Oggi dobbiamo vivere, oggi è la nostra responsabilità. Si tratta di essere contemporaneamente coraggiosi e fiduciosi, si tratta di vivere il tempo che ci è stato dato con tutte le sue difficoltà… Camminiamo insieme perché l’avvenire appartiene in larga misura ancora a noi» – ha sottolineato come la cultura e l’arte in tutte le sue forme possono aiutarci ad affrontare questo periodo buio, non dimenticando mai la solidarietà, perché solo restando uniti possiamo venirne fuori.
In sala anche il Consigliere comunale Umberto Zeppa.

Protagonisti della prima parte del concerto di Sabato 24 Ottobre sono stati i valenti musicisti dell’Accademia Filarmonica Tuscolana, primo violino Carlo Vicari, al clavicembalo M° Andrea Bosso con la partecipazione straordinaria del chitarrista Stefano Spallotta, diretti dal M° Massimo Di Biagio hanno eseguitodi M. Giuliani il “Gran concerto in la maggiore, Op. 30 per chitarra ed orchestra 1° movimento Allegro Maestoso” e di A. Vivaldi il “Concerto in Re Maggiore per chitarra, archi e basso continuo RV93”.
A chiudere la prima parte la stupenda voce del Soprano Martina Paciotti che ha interpretato di W. A. Mozart “La regina della notte” (dal Flauto Magico).

Nella seconda parte del concerto il Coro Polifonico di Bracciano, diretto dal M° Martina Paciotti, ha deliziato il pubblico con brani della tradizione operistica italiana come il “Va pensiero” dal Nabucco di G. Verdi, “Gli aranci olezzano”, coro di introduzione da Cavalleria Rusticana di P. Mascagni e “Nessun dorma” dalla Turandot di G. Puccini con la voce solista del tenore Claudio Tomassini, per poi proporre lo splendido brano “Alfonsina Y el mar” del compositore argentino A. Ramirez con Adriano Annovazzi alla Fisarmonica e “The sound of Music” dell’americano R. Rogers.
In chiusura una carrellata di brani ever green di autori vari.

Applausi calorosi del pubblico a dimostrazione che il desiderio, la necessità di ascoltare musica dal vivo non sono stati spenti dalla pandemia.

Domenica 25, sempre con la presentazione impeccabile di Annamaria Ranelli, si è esibita la Corale Polifonica di Grottaferrata che ha presentato due brani di W. A. Mozart “Piccola serenata notturna K525, 1° movimento allegro e “Rondo alla Turca K331” (arr. F. Ferrari) e la celeberrima “West side story” di L.Bernstein.

A seguire la Corale G.B. Martini ha presentato un programma davvero coinvolgente iniziando con “Canzoniere Italiano 2020” di autori vari con Luca Cutini voce solista, proseguendo con “La Passeggiata, La Danza”di G. Rossini , “Ave Maria” di A. Piazzola, voce solista Nadia Capoleoni, “Là ci darem la mano” di W.A. Mozart per poi passare a G. Bizet con “Habanera”, e tornando al panorama italiano “Un amore così grande” di G.M. Felilli per concludere con “Il Coro canta il Cinema” di autori vari. Voci soliste : Soprano Cristina Di Liberto, Mezzo Soprano Giuseppina Troiano, Tenore Claudio Tomassini, Baritono Luigi Danese.

Entrambe le formazioni corali sono state accompagnate dagli Archi dell’Accademia Filarmonica Tuscolana, il M° Andrea Bosso al piano e con la Direzione del M° Massimo Di Biagio.
Applausi, applausi ed ancora applausi per un concerto davvero fantastico!

La Presidente dell’Associazione Corale G. B. Martini ha infine rivolto un sentito ringraziamento alle Istituzioni che sopratutto in questa occasione non hanno fatto mancare il loro sostegno e la loro presenza, un ringraziamento a quanti hanno collaborato per la realizzazione del Festival e agli spettatori per la loro presenza.
«Questo concerto, ha poi aggiunto, ha voluto essere un segnale tangibile di ripresa , un evento portato avanti per l’amore per la musica che è stato il cuore pulsante della manifestazione ed è proprio questo amore che ci spinge oltre l’ostacolo con coraggio e determinazione».

Purtroppo il nuovo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dispone, con effetto immediato, una nuova sospensione degli spettacoli in teatri, cinema e sale da concerto, colpendo un settore produttivo già duramente piegato durante la prima fase dell’emergenza sanitaria.

Una decisione certo difficile da accettare se attribuiamo ai luoghi della cultura la costruzione dell’idea stessa di cittadinanza e quindi investiti di valore sociale.

Condividendo la dichiarazione del M° Riccardo Muti «Chiudere le sale da concerto e i teatri è decisione grave. L’impoverimento della mente e dello spirito è pericoloso e nuoce anche alla salute del corpo. È necessario ridare vita alle attività teatrali e musicali per quel bisogno di cibo spirituale senza il quale la società si abbrutisce», ci auguriamo tutti che quanto prima si possa tornare alla normalità «perché le emozioni che la Musica regala sono uniche, irripetibili e sacre sia per gli artisti, sia per il pubblico».

 

Potrebbero interessarti anche...

Top