Anagni. Vertenza Marangoni, il vertice oggi al Ministero per lo Sviluppo Economico

Nola FerramentaNola Ferramenta
claudio_de_vincenti
Il Sottosegretario al Ministero per lo Sviluppo Economico Claudio De Vincenti

ANAGNI (FR) – E’ fissato per oggi alle ore 16 il vertice sulla vertenza “Marangoni Tyre” di Anagni. Al vertice di oggi si è giunti dopo l’incontro preliminare di ieri l’altro, richiesto dal Senatore Francesco Scalia, con il Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo economico, Claudio De Vincenti.

Alla riunione del 4 Novembre erano presenti anche i delegati sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, e il dott. Gerardo Macale in rappresentanza dell’azienda.

Un incontro proficuo e concreto, secondo i sindacati, che ha permesso di rappresentare direttamente al Governo l’attuale situazione di difficoltà in cui versa l’azienda e l’incertezza che preoccupa i quasi 500 lavoratori coinvolti, tra diretto e indotto.

Francesco_Scalia2
Il Senatore Francesco Scalia

«Il Sottosegretario De Vincenti – ha affermato Scalia al termine dell’incontro – ha ribadito l’ impegno del Mise nella risoluzione della vertenza e nella verifica, in accordo con il Ministero del Lavoro e della Regione Lazio, di tutte le strade percorribili per far ripartire la produzione e permettere all’azienda di trovare un partner con cui definire un nuovo piano industriale. Lo stesso impegno dovrà essere garantito dall’azienda che nella ricerca di un nuovo socio è stata più volte invitata ad affidarsi a società specializzate».

Per ora l’unica certezza resta quella del mancato accordo con la società russa e l’intenzione di rivolgersi a mercati asiatici.

«È stata espressa – ha continuato Scalia – da parte del Sottosegretario la disponibilità ad aiutare la Marangoni in questa ricerca, un aiuto che mi auguro non si lasci cadere nel vuoto.

Voglio ringraziare il Sottosegretario De Vincenti per la sollecitudine con cui ha accolto la mia richiesta e per la disponibilità a prendere a cuore la vicenda Marangoni. Dopo anni in cui abbiamo invano chiesto la presenza del Governo ai tanti tavoli di crisi che hanno riguardato la nostra provincia, finalmente abbiamo ottenuto ascolto».