• Senza categoria

Zagarolo. Colpito alla testa ed al torace. Poi strangolato. Questa la morte di padre Lanfranco Rossi sulla quale indagano i Carabinieri

Nola FerramentaNola Ferramenta

  • Omicidio Padre Lanfranco Rossi

ZAGAROLO (RM) – È stato colpito alla testa ed al costato, e poi strangolato, Padre Lanfranco Rossi, il cui corpo senza vita è stato rinvenuto il 12 Aprile scorso sul prato del noccioleto della struttura di San Feliciano, nelle campagne di Zagarolo.

È questo l’esito dell’autopsia – effettuata presso l’Istituto di medicina legale della Sapienza di Roma e disposta dalla Procura di Tivoli – che ha smentito l’ipotesi, avanzata in un primo momento, di un malore, che avrebbe potuto colpire il sacerdote in considerazione delle sue già compromesse condizioni di salute.

Secondo la ricostruzione medico legale, dopo essere stato colpito, il sacerdote sarebbe stato lasciato sul prato agonizzante, e solo in un secondo momento sarebbe stato strangolato.

Il tutto è accaduto nella notte tra Sabato 11 Aprile e Domenica 12, quando il prete era nella casa di San Feliciano, uno dei centri di meditazione del movimento religioso dei «Ricostruttori della preghiera», fondato da padre Gian Vittorio Cappelletto, e del quale padre Rossi era esponente di spicco.

Quel centro religioso è frequentato per ritiri spirituali soprattutto nei fine settimana e in particolare quella notte nell’edificio della comunità dormivano altre sei persone che avrebbero riferito di non aver sentito urla o persone litigare.

Probabilmente il prete era uscito dalla cascina per incontrare qualcuno… Al di fuori delle ipotesi restano alcuni dati: il cadavere era vestito e non risulta che gli sia stato rubato alcunché…

Sul movente ora indagano i Carabinieri del Gruppo di Frascati e quelli del Ris di Roma, ai quali – esclusa categoricamente l’ipotesi della pista satanica – spetta l’arduo compito di far luce sul perché qualcuno avrebbe dovuto uccidere padre Lanfranco Rossi, 55 anni, teologo, per tanti anni docente di spiritualità dei padri della chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana e presso altre facoltà pontificie, autore di numerose pubblicazioni.

Intanto sul sito internet della Diocesi di Palestrina è intervenuto il Vescovo S.E. Domenico Sigalini.
«La nostra diocesi esprime la sua partecipazione al Responsabile Generale dell’Associazione Pubblica di Fedeli “I Ricostruttori nella Preghiera”, Sac. Roberto Rondanina, e a tutti gli associati per l’improvvisa morte, per insufficienza cardiorespiratoria, del sacerdote rev. p. Lanfranco Rossi avvenuta presso la casa di riflessione e preghiera San Feliciano, situata a Zagarolo, domenica 12 aprile 2015.
P. Lanfranco Rossi è stato per tanti anni docente presso la Pontificia Università Gregoriana e presso altre facoltà pontificie. P. Lanfranco, oltre ad essere apprezzato da colleghi e studenti per le sue qualità di studioso di Patristica è stato un alto punto di riferimento spirituale per tante persone della Associazione dei “I Ricostruttori nella Preghiera” e per altri fedeli che lo hanno conosciuto e stimato.
Partecipiamo al dolore dei confratelli di p. Lanfranco, dei fratelli e familiari e ci uniamo alla preghiera di quanti gli hanno voluto bene e lo hanno apprezzato».

I funerali sono in corso di celebrazione a Roma nella chiesa di San Giuseppe Cafasso in via Manfroni, 2 al Quadraro.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Top