• Senza categoria

Viterbo. Spaccio di eroina. 3 giovani viterbesi in manette e 18 perquisizioni domiciliari a cura della Squadra Mobile

Nola FerramentaNola Ferramenta

polizia-arresto-della-volante

VITERBO – Personale della locale Squadra Mobile, alle prime luci dell’alba di oggi, ha dato esecuzione a tre misure cautelari relative ad un’indagine inerente i reati previsti dagli artt. 110 c.p. e 73 del D.P.R. 309/90, (detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo eroina), a carico di 3 giovani viterbesi.

I provvedimenti restrittivi derivano da un’articolata attività investigativa iniziata a seguito di alcuni casi di intossicazione da parte di giovani tossicodipendenti, avvenuti la scorsa primavera ed, in particolare, l’attività d’indagine degli uomini della Polizia di Stato si è fatta ancor più incisiva con la morte per overdose di un 48enne la notte del 2 Aprile 2015.

Dalle indagini è emerso che il deceduto era dedito al consumo cronico di sostanze stupefacenti ed aveva avuto numerosi contatti telefonici con un noto pregiudicato, anche poche ore prima del decesso.
In a base a questi primi riscontri, gli investigatori della Polizia di Stato avviavano diversi servizi d’intercettazione i quali facevano emergere numerosi aspetti e precisamente che il pregiudicato insieme a suoi fedelissimi adepti, tra cui la sorella, gestiva il traffico e lo spaccio di stupefacenti del tipo eroina in Viterbo.
Anche altri 5 individui risultavano essere complici nelle attività illecita e per tale motivo sono stati segnalati alla locale Autorità Giudiziaria, per gli stessi reati, in stato di libertà.

Le indagini che si sono svolte a 360 gradi hanno evidenziato, altresì, la pericolosità e sfrontatezza dell’uomo, che per ultimo aveva avuto contatti con quello deceduto per overdose.
Questi, durante le indagini, nonostante fosse stato arrestato perché sorpreso a cedere dell’eroina e poi sottoposto dalla locale Autorità Giudiziaria al regime degli arresti domiciliari, continuava a gestire le attività di spaccio, ad organizzare l’arrivo di carichi di stupefacenti a Viterbo e a recuperare le cospicue somme di denaro provento dell’illecita attività.

Contestualmente all’esecuzione delle citate misure cautelari sono state eseguite 18 perquisizioni personali a carico di soggetti che, nel corso delle indagini, sono risultati essere acquirenti delle sostanze cedute dagli spacciatori .

Durante l’articolata attività investigativa che ha visto gli uomini della Polizia di Stato impegnati per diversi mesi, sono stati arrestati in flagranza di reato tre giovani spacciatori; è stato sequestrato diverso quantitativo di stupefacente ed un’autovettura di grossa cilindrata; sono stati accertati e documentati 40 casi di spaccio di stupefacenti, anche mediante servizi di osservazione a distanza.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top