Valmontone. Giovane in Tso minaccia al 112 di uccidere la madre. I Carabinieri lo fermano, la Polizia Municipale lo manda al Spdc

Nola Ferramenta UtensileriaNola Ferramenta Utensileria

Comune di Valmontone

VALMONTONE (RM) – Era sotto trattamento sanitario obbligatorio (Tso) il 29enne che nel primo pomeriggio di oggi a Valmontone ha allertato telefonicamente la Centrale Operativo del numero unico di emergenza 112, annunciando l’intenzione di uccidere la madre.

La segnalazione seguiva l’iter dovuto ed i militari della Stazione Carabinieri di Valmontone sono stati chiamati ad intervenire.
Una volta in casa del giovane, in pieno centro storico di Valmontone, non lontano dal municipio, fortunatamente i Carabinieri trovavano la madre del giovane sana e salva, la quale informava i militari del fatto che il figlio era fuggito.

Le ricerche del giovane non sono durate molto. Poco dopo infatti veniva rintracciato in Corso Garibaldi con in mano un coltello da cucina. Il tentativo di fermare il giovane ha avuto successo solo dopo l’uso dello spray al peperoncino in dotazione alle forze dell’ordine.

A chiudere l’intervento, fortunatamente senza conseguenza, sono stati gli agenti della Polizia Locale – competente in materia – che hanno provveduto a chiamare un’ambulanza che ha condotto il ragazzo presso il Dipartimento Spdc (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) dell’Ospedale “L.P. Delfino” di Colleferro.

Potrebbero interessarti anche...

Top