• Senza categoria

Segni. Teatro in piazza. “Petrolini perchésì!” nella splendida Piazza Santa Maria. Un grande successo [Foto]

Nola FerramentaNola Ferramenta

Segni-Petrolini-Perche-Si-07

SEGNI (RM) – Dopo il successo del 28 Maggio presso l’insolita, ma ormai collaudata location del Mercato Coperto di Colleferro, è stato riproposto, nella splendida Piazza S. Maria, lo spettacolo “PETROLINI PERCHE’SI!”, patrocinato dal Comune.

Metti una serata di luna piena, un’aria frizzantina e la tanta voglia di sorridere in questa estate decisamente tragica ed ecco che gli “attori” di Ermòsés Teatrolaboratorio riescono a compiere il miracolo e regalare al pubblico, accorso numerosissimo, tante emozioni con uno spettacolo brioso, tra il serio ed il faceto, che ripropone i fantasiosi personaggi e le macchiette di Ettore Petrolini, uno dei massimi esponenti di quelle forme di spettacolo a lungo considerate teatro minore, termine con il quale si identificavano il teatro di varietà, la rivista e l’avanspettacolo.

Le “macchiette” di Petrolini, fuori della logica e del buon senso comune, ben si accomunano alle idee del nascente movimento futurista per il quale rappresentano una ventata d’aria pura e sana nell’ambiente piuttosto chiuso del teatro italiano tradizionale.

Prendendo spunto da una immaginaria intervista, o meglio incontro visto che Petrolini non amava essere intervistato, lo spettacolo traccia un ritratto teatrale, ma soprattutto umano del grande autore-attore, nato in un vicolo vicino a Via Giulia. Un carattere irascibile e prepotente, orgoglioso e malinconico, conoscitore delle debolezze umane, ma con una grande fiducia nella dignità degli uomini, punto di forza della sua comicità fu la satira pungente contro ogni forma di potere: politico, clericale ed intellettuale.

Tra riso e malinconia, realtà e memoria, verità e finzione si dipana sul palco la storia della sua vita e dell’Italia di quei tempi tra fascismo e voglia di modernità, mentre prendono vita i suoi personaggi rimasti immortali, come Fortunello, Salamini, Gastone, Nerone e tanti altri che inducono al sorriso, ma anche ad un’amara riflessione, ieri come oggi!

Un pubblico entusiastico ha lungamente applaudito gli attori protagonisti, che hanno dato prova non solo di bravura, ma di grande passione e tanta emozione: Alessandra Bizzarri, Federica Calvani, Marisa Caponera, Elvira Casillo, Carla Colaiacomo, Elvira Fata, Matteo Gizzi, Valerio Macellari, Marco Soccol, Alfredo Zeppieri coordinati dall’attore e regista Maurizio Mosetti.
Elaborazioni audio-video a cura di “Cour de Rome Team”; Scene e costumi Panchito Contreras
 Drammaturgia Ermòsés.

Uno spettacolo sicuramente da non archiviare, ma da riproporre nella prossima stagione teatrale per omaggiare ed approfondire la conoscenza , rivolgendosi soprattutto ad un pubblico giovane, di uno dei più grandi artisti di Roma: Ettore Petrolini, che il regista Alessandro Blasetti definì “Prepotente, geniale e popolare”, capace di creare quella magica atmosfera, quel gioco sempre aperto in cui attore e spettatore siano compartecipi e attivi nei loro differenti ruoli per rendere il teatro più che mai vivo ed appassionante.

Eledina Lorenzon

 

Potrebbero interessarti anche...

Top