Segni. Festa di San Bruno. Il nuovo Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Velletri-Segni S.E. Rev.ma Mons. Stefano Russo si presenta alla città

Nola FerramentaNola Ferramenta

SEGNI – Dopo l’analogo evento svoltosi a Velletri il 26 Giugno scorso, domani, Domenica 17 Luglio e dopodomani a Segni il nuovo Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Velletri-Segni S.E. Rev.ma Mons. Stefano Russo, incontrerà la città.

Ricordiamo che a Segni in questi giorni è in pieno svolgimento la Festa patronale di San Bruno – compatrono della Diocesi – e proprio in questo contesto S.E. Rev.ma Mons. Stefano Russo ha deciso di presentarsi ai fedeli partecipando ad una serie di eventi.

In particolare – dopo il saluto di commiato del Vescovo uscente S.E. Rev.ma Mons. Vincenzo Apicella, previsto alle ore 19 nella Cattedrale di Santa Maria Assunta – alle ore 21 il nuovo Vescovo sarà accolto dalla sua comunità in Corso Vittorio Emanuele.
Un corteo lo accompagnerà fino alla Chiesa Santa Maria degli Angeli dove, sul sagrato, riceverà il saluto del Sindaco Piero Cascioli.
Da qui partirà, intorno alle ore 21,30, la Solenne Processione in onore di San Bruno, che osserverà il seguente percorso: C.so V. Emanuele – Via San Vitaliano – Piazza Santa Maria.

Sul sagrato della concattedrale ci sarà la simbolica consegna del Cero da parte del Sindaco Cascioli al nuovo Vescovo il quale pronuncerà un breve discorso di saluto alla comunità.

A seguire, sulla facciata ovest della Cattedrale di Santa Maria Assunta (quella su Largo Pericle Felici) verranno proiettate immagini e diffuse musiche e letture sulla vita di San Bruno.
In sostituzione dei tradizionali fuochi d’artificio – come raccomandato dall’Agenzia Regionale di Protezione Civile per l’altissimo pericolo di incendio – è stato allestito un suggestivo gioco di proiezione di luci.

Lunedì 18 Luglio – il giorno in cui si celebra il Santo Patrono – alle ore 9,30 il nuovo Vescovo S.E. Rev.ma Mons. Stefano Russo verrà accolto in Cattedrale ed officerà il Solenne Pontificale in onore di San Bruno.
Più tardi, intorno alle ore 11,30, nella Sala Consiliare del Comune di Segni, il Vescovo verrà accolto da tutti i Sindaci degli otto Comuni della Diocesi e dalle Autorità civili, militari e religiose.
Si ricorda che la Diocesi Suburbicaria di Velletri-Segni insiste sul territorio di otto Comuni: Artena, Colleferro, Gavignano, Lariano, Montelanico, Segni, Valmontone, Velletri nonché la Località Landi, in Comune di Genzano di Roma.

 

Il saluto di S.E. Rev.ma Mons. Stefano Russo all’indomani della sua elezione a Vescovo della Diocesi Suburbicaria Velletri-Segni

Che cosa renderò al Signore, per tutti i benefici che vo incarico. Un ringraziamento poi al Cardinale Presidente:
mi ha fatto? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore.
In questi giorni di “custodia della notizia” tante volte ho avuto questo pensiero e stamattina questo Salmo è tornato nella Messa: “Che cosa renderò al Signore per i benefici che mi ha fatto?”. Cosa potrò dare per tutto quello che mi ha fatto sperimentare con la Sua presenza? Mi porterò questa domanda e questa riflessione nei prossimi giorni. Grazie per esserci e vi chiedo scusa se ho interrotto, con questo invito, il vostro sabato che immagino di riposo o almeno di tempo diverso rispetto ai giorni della settimana lavorativa. Ci tenevo a condividere con voi la notizia della mia nomina a Pastore della Chiesa di Velletri-Segni. Sento di dover dire grazie di cuore a Papa Francesco che mi ha rinnovato la sua fiducia chiamandomi a questo nuo-
caro don Gualtiero, grazie per la tua presenza, per la tua generosa disponibilità. Mi sono sentito sempre accompagnato e sostenuto dalla tua saggezza.
Il mio pensiero corre subito alla comunità diocesana di Velletri-Segni: vengo tra voi consapevole della testimonianza di fede che mi è richiesta e nell’adesione piena alla volontà di Dio espressami da Papa Francesco cui, come Maria, ho risposto con il mio sì. Ogni chiamata è sempre una sorta di capovolgimento. Nel corso della vita tutti facciamo progetti, organizziamo le settimane, mettiamo sulle nostre agende le cose da fare e poi improvvisamente arriva una chiamata, una visita che ti dice: lascia tutto! Quel “vieni e seguimi” (Mc 10,21) continua a risuonare e chiede di mettersi in cammino. E la miglior risposta sta nel… “e subito, lasciate le reti, lo seguirono” (Mc 1,18).
Ho vissuto sempre questa dinamica: prima come Vescovo di Fabriano-Matelica; dopo pochi anni, come Segretario Generale della CEI; ora, come Vescovo di Velletri- Segni. In tutte queste chiamate ho amato la Chiesa e ho cercato di voler bene a tutte le persone che ho incontrato: Vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, laici e laiche. In questo momento desidero dire grazie, in particolare, ai miei Confratelli Vescovi per la comunione e la collegialità di cui mi hanno fatto dono. Ringrazio i direttori, i responsabili, il personale e i collaboratori degli Uffici e dei Servizi della Segreteria Generale: abbiamo condiviso un cammino segnato in modo forte da
questo periodo così particolare della nostra storia. A tutti voi il mio ringraziamento e l’incoraggiamento a seguire sempre la strada del servizio, come ci insegna Gesù. “Chi tra voi è più grande diventi come il più giovane, e chi governa come colui che serve” (Lc 22,26). Sentitevi custodi della bellezza della Chiesa. Sono stati anni molto intensi e poi la pandemia ha messo il carico sul- le spalle di ciascuno di noi: nei mesi più duri abbiamo dovuto fare delle scelte straordinarie che non avevamo messo in cantiere. Abbiamo moltiplicato gli sforzi per rendere possibile che queste scelte fossero condivise con gli organismi di comunione della CEI.
Grazie per la vostra disponibilità! E ora vi chiedo di accompagnarmi e custodirmi con la vostra preghiera e con il vostro affetto.