Roma. Primavalle. Tre arresti e tre denunce per spaccio di hashish in diverse operazioni dei Carabinieri. Quattro sono minori

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROMA – Nelle ultime 48 ore, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro hanno eseguito diversi blitz antidroga che hanno portato all’arresto di tre persone e alla denuncia a piede libero di altre tre.

In Via di Torrevecchia, i Carabinieri hanno sorpreso madre e figlio, entrambi cittadini romani con precedenti, rispettivamente di 41 e 17 anni, mentre cedevano 82 grammi di hashish ad un 16enne romano dietro il corrispettivo di 470 euro.
Arrestati i pusher, i Carabinieri hanno anche denunciato l’acquirente, per possesso di sostanze stupefacenti.
La 41enne è stata sottoposta agli arresti domiciliari mentre suo figlio è stato accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza Minori in via Virginia Agnelli.

Poco distante, in Via Commendone, gli stessi Carabinieri hanno denunciato altri due giovanissimi romani, di 15 e 16 anni, che fermati per un normale controllo, sono stati trovati in possesso di 100 grammi di hashish.

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

Transitando, invece, in Via della Pineta Sacchetti, i Carabinieri hanno notato due giovani in strada che, alla loro vista, hanno tentato di nascondersi dietro le auto in sosta al fine di eludere un eventuale controllo.
Fermati per una verifica, i due, cittadini romani di 20 e 17 anni, sono stati trovati in possesso 100 grammi di hashish, divisi in diversi involucri.
I Carabinieri li hanno ammanettati e hanno successivamente perquisito le loro abitazioni, nello stesso quartiere, rinvenendo a casa del 17enne, nascosti in un cassetto della sua cameretta, altre dosi della stessa droga e un bilancino di precisione.
Il maggiorenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari mentre il minorenne portato presso il Centro di Prima Accoglienza Minori di via Virginia Agnelli.

Tutti gli arrestati e i denunciati sono stati anche sanzionati per violazioni delle normative per il contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-2019.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top