Roma. Portuense. Gravemente indiziato di aver accoltellato il fratello 72enne alla coscia. 58enne arrestato dai Carabinieri

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma Porta Portese, coordinati dalla Procura di Roma, hanno arrestato un 58enne con precedenti che, al culmine di una lite, avrebbe afferrato un coltello e avrebbe tentato di colpire il fratello 72enne con diversi fendenti, uno dei quali andato a segno alla coscia, in prossimità dell’arteria femorale.

Estate Insieme 2022 ColleferroEstate Insieme 2022 Colleferro

Nel pomeriggio di ieri, 20 Giugno, i due fratelli, entrambi originari della provincia di Siracusa, hanno discusso per futili motivi, innescati dall’aggressività verbale del 58enne nei confronti della loro madre centenaria, con cui condivide l’abitazione in Via Alessandro Pieri.

Il 58enne, nel corso della lite, avrebbe prelevato un grosso coltello dal cassetto della sua camera e si sarebbe scagliato contro il fratello maggiore sferrando diversi fendenti al corpo. La vittima è riuscita a schivare diversi colpi ma è stato poi ferito alla gamba sinistra.

I Carabinieri, a seguito della chiamata giunta al 112, sono immediatamente intervenuti presso l’abitazione e hanno trovato il 58enne, visibilmente ubriaco, nella sua camera da letto ancora in possesso del coltello e il 72enne, sanguinante e in stato di semi-incoscienza, in cucina.

La vittima è stata soccorsa e trasportata dal personale del 118 all’ospedale “San Camillo – Forlanini” dove gli sono state diagnosticate lesioni giudicate guaribili in 20 giorni.

Il 58enne è stato portato in carcere e al termine dell’udienza il suo arresto è stato convalidato con l’accusa di tentato omicidio ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Comunicato pubblicato ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti della/e persona/e indagata/e (la/le quale/i, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è/sono da presumersi innocente/i fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza).