Roma. La 50enne Assunta Finizio uccisa a colpi di pistola dal marito Augusto Nuccetelli in un bar a Lunghezza [Foto]

Nola Ferramenta outfitNola Ferramenta outfit

ROMALa 50enne Assunta Finizio è stata uccisa dal marito nella serata di ieri, 20 Aprile, con quattro colpi di pistola in un bar di Via di Lunghezza sotto gli occhi attoniti di clienti e passanti.

L’ormai ex compagno della vita, Augusto Nuccetelli di 51 anni, romano di professione fabbro, candidato alle ultime elezioni all’VIII Municipio, non voleva rassegnarsi alla di lei volontà di mettere fine alla relazione.
La moglie lo aveva cacciato dalla loro casa di Corcolle una settimana fa – probabilmente stanca dei continui tradimenti di lui – e così ieri sera, poco prima delle 19,30, ha deciso di seguirla nel bar del quale la donna era cliente abituale.
Qui ha estratto la pistola, una 44 Magnum, ed ha fatto fuoco.
Quattro colpi, uno dei quali ha colpito la donna alla mano, due all’addome ed un altro al petto.
Assunta è stramazzata al suolo, vicino al bancone del bar, in una pozza di sangue sotto gli occhi dei presenti, scioccati da quanto stava accadendo.
Era ancora viva. Ancora per poco. È spirata poco prima dell’arrivo dei sanitari del 118.

Farmacia Comunale Colleferro ScaloFarmacia Comunale Colleferro Scalo

Mentre l’uomo tentava di darsi alla fuga, sbarazzandosi della pistola – avvolta nel giubbotto e gettata in un prato di una stradina adiacente – qualcuno ha chiamato la Polizia che, prontamente intervenuta, lo ha bloccato mentre tentava di prendere un autobus, e lo ha condotto negli uffici della Squadra Mobile dove avrebbe poi ammesso le proprie responsabilità: «L’ho ammazzata perché mi voleva lasciare. L’ho tradita. Mi ha cacciato da casa e non ci ho capito più nulla… Cos’ho fatto?».
Nel frattempo la Polizia scientifica stava già effettuando tutti i rilievi del caso.

I due erano conosciuti in zona. Vivevano non lontano da quel bar e spesso si erano resi protagonisti di litigi anche in pubblico.

RI...BELLI ParrucchieriRI...BELLI Parrucchieri

Mentre Nuccetelli veniva interrogato dagli agenti della sezione omicidi, gli investigatori convocavano anche il figlio 17enne della coppia, per comprendere se, oltre al tradimento, in casa c’erano stati episodi di maltrattamento nei confronti della madre e per raccogliere tutti gli elementi utili per comprendere complessivamente le motivazioni dell’estremo gesto.
Gli agenti attendono di sentire anche la suocera del killer, una volta dimessa dall’ospedale, dove è stata ricoverata per un malore che l’ha colpita dopo essere giunta sul posto ed aver constatato la morte della figlia.

Ecoerre-Poliambulatorio_SpecialisticoEcoerre-Poliambulatorio_Specialistico

Al termine del primo interrogatorio, l’uomo, con piccoli precedenti, è stato ristretto nel carcere di Regina Coeli con l’accusa di omicidio volontario.

 

Gulliver - Saldi Estivi 2024