• Senza categoria

Rocca Priora. Suor Maria Vinci è andata a suonare per gli Angeli…

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROCCA PRIORA (RM) – È scomparsa, a Roma, nell’Istituto delle Suore, per noi ancora del Preziosissimo Sangue, ora Adoratrici del Sangue di Cristo, all’età di anni 94, Suor Maria Vinci, dopo ben 82 anni di vita religiosa, in quanto lasciò il suo paese natio, Rocca Priora, a soli 12 anni.

Suor Maria Vinci

Suor Maria Vinci

Così, in giovane età, nei lontani anni ’30, si entrava negli Istituti Religiosi, sia maschili che femminili. E Rocca Priora, fin dai primi del 1900, vide circa cento suoi figli divenire Sacerdoti e Suore. A volte la vita è molto strana: quando nacque Suor Maria, doveva essere il 27 ottobre 1920, a distanza di qualche giorno e precisamente il 1° novembre nacque, sempre a Rocca Priora, un bambino.

Ma, per un singolare destino, una mamma non ebbe il latte, non sappiamo quale delle due, quindi l’altra mamma allattò i due bambini, che sono cresciuti con una dote in comune la musica e il canto; ancora più curioso: la bambina divenne Suora e insegnante di Pianoforte, il bambino che porta il suo stesso cognome, pur non essendo parenti, Sacerdote, dotato di una bellissima voce, profondo studioso della Bibbia, e parroco in importanti chiese: a Trieste, Roma ed altre città. I nostri rapporti più stretti con Suor Maria risalgono al dopoguerra.

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it

Era il lontano 1945. A Rocca Priora, c’erano solo le Scuole Elementari e rarissimi mezzi pubblici. Allora per studiare, per noi, restava solo il collegio delle Suore del Preziosissimo Sangue, a Roma, dove avevamo sostenuto già l’esame di Ammissione alla Scuola Media. Quell’anno fu molto lungo. Le uniche ore felici erano le lezioni di pianoforte da Suor Maria, che, oltre al legame di parentela che ci univa, aveva avuto come padrino di Battesimo il padre di chi scrive. Ma, le cose belle di Suor Maria erano: la sua anima candida, veramente candida nel senso più ampio della parola, di chi del mondo non aveva conosciuto la cattiveria umana, il sorriso perenne stampato sul bel volto, sempre sereno, la grande disponibilità per il prossimo, e l’amore per il paese natio e famiglia, lasciati, come abbiamo scritto, all’età di 12 anni.

Al termine di quell’anno scolastico, Rocca Priora era finalmente servita dai mezzi della Ditta Zeppieri, fatto che rese possibile poter frequentare le scuole superiori a Frascati. Il rapporto con lei era, però, rimasto sia telefonico, che limitato alle sue vacanze del periodo estivo, in quest’ultimi anni sempre più rare e brevi, sia per la scomparsa della sorella Lorenza e del fratello Riccardo, che spesso le faceva visita, ma, anche e soprattutto, per la sua impossibilità di suonare alle quotidiane funzioni religiose dell’Istituto. In una delle sue ultime vacanze, ci consegnò alcuni articoli che parlavano di Rocca Priora, certamente pensando, ed è ovvio, ad una sua eventuale uscita di scena e di allentare, così, il legame speciale che continuava ad unirla al suolo natio.

Ma, quel legame che, in un certo senso, aveva voluto recidere si è ricostituito all’improvviso, quando è tornata al paese per essere vicina ai suoi, nella tomba di famiglia. E, noi siamo, però, certi che le sue mani, ferme negli ultimi anni per motivi di salute, abbiano ripreso subito a suonare per gli Angeli, e stanno riempiendo la volta celeste di armoniosi suoni.

In questi giorni, un’altra nota triste ci è giunta con la scomparsa di Suor Lorenza Zaratti, di anni 87, vissuta per molti decenni nello stesso Istituto religioso di Suor Maria, e dove ha operato sempre per il bene del prossimo. Alle Consorelle, Adoratrici del Sangue di Cristo, che per circa un secolo hanno educato generazioni di roccaprioresi, e alle due Famiglie delle scomparse, dalle colonne del nostro giornale online, “Cronache Cittadine”, i sensi del nostro profondo cordoglio e la certezza che il loro ricordo resterà imperituro nel tempo, in particolare nella storia scritta da quei tanti Sacerdoti e Suore di Rocca Priora che, dal 1890 in poi, hanno operato, in Italia e all’estero, sempre ed esclusivamente, per il bene dell’umanità.

Luciana Vinci

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Top