Rocca Priora. Nella Biblioteca Comunale Venerdì 12 Aprile Matteo Pucci terrà una conferenza su “Il mio nome è Nessuno. Il viaggio di Ulisse tra archeologia, mito ed etica greca”

Nola FerramentaNola Ferramenta

(Anna Maria PesceLuciana Vinci

Prima di far leggere ai nostri Lettori quanto sia in programma a Rocca Priora il 12 Aprile 2019, desideriamo inviare un messaggio allo scrittore e studioso
“roccapriorese”, archeologo Matteo Pucci:

“Matteo, sappiamo che la tua conferenza su “Ulisse” avrà un grande successo: ma il nostro desiderio e quello di tanti altri cittadini è il seguente:
che Rocca Priora, già in passato di grande importanza nella vita romana e castellana, sia sempre nei tuoi accurati studi: storici, geografici, archeologici, artistici,
economici ed altro, accompagnati anche da visite guidate nel nostro bellissimo centro, nei secolari verdi boschi di castagno e nelle campagne del suo territorio,
dove nascono gli splendidi e profumati narcisi bianchi: ROCCA PRIORA PUO’ DARE ANCORA MOLTISSIMO AI SUOI CITTADINI”!

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it


ROCCA PRIORA“Nella Biblioteca Comunale di Rocca Priora – Sala Museo Robazza – Matteo Pucci, dottorando di ricerca in Antichità classiche presso l’Università Tor Vergata di Roma, Venerdì 12 aprile 2019, alle ore 17.30, terrà una conferenza su un tema a lui particolarmente caro: “IL MIO NOME E’ NESSUNO. Il viaggio di Ulisse tra archeologia, mito ed etica greca”.
Per questa sua attività di ricerca, con molta passione, ha più volte effettuato viaggi in Grecia, nei luoghi descritti nell’Odissea.

La conferenza sarà particolarmente interessante per la grande esperienza dell’archeologo Matteo, e il suo intervento, tra l’altro, riguarderà anche l’origine del Poema, la sintesi delle tappe del viaggio di Ulisse per mare, i personaggi, e tra gli approfondimenti anche il diritto greco antico: la vendetta“con un riferimento a quella di Ulisse sui Proci”.

Le cose strane del destino: Matteo Pucci terrà la sua conferenza nel grande “Museo Benedetto Robazza”, dove l’artista ha esposto la sua grandissima opera in marmo di 90 metri quadrati, dedicata a “L’Inferno” di Dante Alighieri: nel lato destro del Quindicesimo pannello, che ospita i Canti XXV – XXVI e XXVII, condannato a condividere la stessa fiamma con Diomede, a causa degli inganni orditi insieme, appare Ulisse che esprime nel suo volto intenso, l’intelligenza e il dolore”.

L’evento, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Rocca Priora, è inserito nel programma della Rassegna “Di Venerdì”, che da sempre ha ottenuto grande successo.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top