Rocca Priora. Inizio e vita della Banda Musicale Corbium: intervista al direttore artistico M° Federico Cecchini. Sabato 25 Luglio Concerto al Parco Dandini

Nola FerramentaNola Ferramenta

ROCCA PRIORA (Luciana Vinci) – Possiamo dire di aver conosciuto uomini nati nel 1878 e anni successivi che avevano suonato nella Banda Musicale di Rocca Priora nei decenni successivi alla loro nascita, e ricordavano anche alcune manifestazioni che ogni anno erano legate alle esibizioni della loro Banda: tra queste: “La Breccia di Porta Pia: 20 Settembre 1870”.

Nei loro ricordi la vita della Banda Musicale era ancora viva , e così i ricordi dei vari Maestri avuti.

E, anche noi, tra i vari Maestri, ricordiamo il Maestro Ulderico Colini e il figlio Alfeo.

Ma, prima di intervistare il M° Federico Cecchini, dobbiamo ricordare che la nostra Banda Musicale “Corbium” è vita per il paese, per i giovani che la frequentano e per le famiglie che la seguono con tutto il cuore.

E, dobbiamo anche dire che la vera vita della Banda è data dalla bravura e dal sentimento del Maestro: doti che il Maestro Cecchini ha.

Maestro Cecchini, ci ha fatto veramente piacere pubblicare alcuni giorni fa il Programma delle Manifestazioni che la Banda Corbium, in questo periodo del lockdown, ha riproposto e ripropone agli amanti della musica bandistica, premettendo sempre che ci sono ancora problemi per il Covid19 e sono necessarie particolari attenzioni per evitare i gravi problemi medici ormai già conosciuti: Maestro ci parli di questa ripartenza?

L’Aps Banda Corbium, della quale mi onoro di essere direttore artistico, è da sempre in prima linea nell’offerta culturale di Rocca Priora e dell’area dei Castelli Romani grazie al costante impegno dei suoi associati. Non poteva venir meno alle aspettative in questo difficile periodo di ripresa. È stata in effetti una delle prime, se non la prima, delle Associazioni musicali e bandistiche dell’area a riprendere le attività in presenza. Questo grazie alla capacità organizzativa, al coraggio e alla solerzia del Comitato di Gestione attualmente presieduto dal dott. Sirio Vinci e all’impegno di tutti gli associati e delle famiglie.
Rocca Priora riparte con la cultura e gli eventi in presenza proprio dalla Banda, e questo è significativo.

Cosa proponete per questo luglio 2020 da voi già iniziato?

Siamo ripartiti subito in grande, con un Festival patrocinato dalla Regione Lazio: Note dalla Rocca.
Questo format è attivo già da una decina di anni e propone, a scadenza biennale, un Festival di musica amatoriale di tipo bandistico e corale che ha sempre vinto il bando di sostegno economico indetto per lo Spettacolo dal Vivo di tipo amatoriale da parte della Regione Lazio, a dimostrazione del valore della programmazione.

Quali sono gli eventi in programma?

Il primo si è svolto sabato 4 Luglio presso il Parco Dandini e anche i prossimi 2 appuntamenti avranno tale location. Il ritorno è avvenuto con un Concerto di marce svolto in piedi nella pista di pattinaggio centrale. È stata davvero un’emozione poterci di nuovo esibire tutti insieme tra la gente. Il parco era pieno di bambini che giocavano e di adulti che si sono lasciati intrattenere dal suono della banda. Anche se con le dovute accortezze per musicanti e pubblico (distanze obbligatorie, mascherine, disinfettanti…) tutto è stato naturale e meraviglioso insieme: ci siamo gustati un po’ di normalità!

Come proseguono gli altri incontri?

Il secondo incontro si è svolto l’11 Luglio, alle ore 18, sempre presso il Parco Dandini, con la presentazione della Banda Giovanile della nostra associazione la Y.M.C.B. (Young Musicians Corbium Band). Il nome fa il verso ad una famosissima canzone degli anni ’70, ma in questo caso l’acronimo non significa altro che Giovani Musicisti della Banda Corbium. È un organico importante perché offre lo step intermedio tra la scuola di musica e la partecipazione alle attività della banda. Gli esordienti hanno modo di esercitarsi nella musica d’insieme e i ragazzi che già suonano in banda hanno modo di sperimentarsi nel tutoraggio dei meno esperti, crescendo a loro volta in perizia e competenza. Suoneranno brani dedicati espressamente a questo tipo di formazione per lo più di autori italiani, per incentivare la nostra editoria musicale.

Il 25 Luglio avremo invece il Concerto vero e proprio della Banda Corbium in cui avremo il piacere e l’onore di omaggiare con il brano Song for Health, appositamente scritto da un compositore belga, tutti i medici e gli infermieri che sono stati e che sono in prima linea contro la minaccia del coronavirus. Non potrà inoltre mancare il doveroso omaggio al Maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso. Eseguiremo alcune delle sue colonne sonore più famose: “Nuovo Cinema Paradiso”, “Giù la Testa”, “Il Buono, il Brutto e il Cattivo”, “C’era una volta il West”…
Il Concerto sarà alle 18.30 sempre nella cornice del Parco Dandini.

A Settembre avremo 2 video Conferenze di Studio sull’analisi armonica e stilistica di un brano del repertorio contemporaneo di musica bandistica: “No War” del M° Marco Somadossi.

Il lockdown ha influito sulle attività della vostra associazione?

Direi di sì, inevitabilmente. Ci siamo trovati come tutti da un giorno all’altro ad abbassare la serranda dell’Associazione e interrompere tutto quello che avevamo in cantiere.
La cosa che ci è dispiaciuta di più è stata quella di dover interrompere lo studio del poema sinfonico “La Breccia di Porta Pia: 20 Settembre 1870” di Davide Delle Cese la cui esecuzione era prevista proprio quest’anno nel 150° dalla celebre battaglia. Un evento molto atteso dalla popolazione che avrebbe visto il recupero di una tradizione importante per il nostro paese. I più anziani ricordano quanto fosse sentito questo concerto che si svolgeva ogni anno nel giorno di San Michele sotto la direzione del M° Ulderico Colini fino agli anni ‘60. Il lockdown ha interrotto lo studio di questa complessa partitura e le condizioni di distanziamento sociale non ci consentono di eseguirla in maniera dignitosa, per questo abbiamo deciso di rimandarla di un anno. Ma si farà, è una promessa!
Per quanto riguarda il Coro Polifonico Vocaliter tutto è rimasto fermo a quel 4 Marzo e ora stiamo lentamente riprendendo. La Scuola di Musica è invece proseguita con la didattica a distanza attraverso lezioni online. La didattica è stata rimodulata ma tutte le classi strumentali hanno portato a termine regolarmente le lezioni. Anche il corso di Junior Band attivo presso l’IC “Duilio Cambellotti” è proseguito con la didattica online, portando a termine le attività. Insomma, non ci siamo arresi e speriamo a settembre di poter riprendere regolarmente la didattica.
Oltre a questo, la Banda non si è lasciata sfuggire la possibilità di proporre esibizioni virtuali anche durante il lockdown. Su tutte possiamo ricordare l’esecuzione del concerto virtuale in occasione dell’anniversario dell’Unità d’Italia in cui abbiamo eseguito Il Canto degli Italiani (Inno di Mameli ndr) e messo in onda sulle piattaforme social. Anche la scuola di musica ha proposto dei video social: i ragazzi della Junior Band hanno registrato dei video-saggi a scopo didattico.
Il costante contatto sui gruppi Whatsapp, anche solo per un saluto o per mostrare la foto dell’ultimo successo ai fornelli, insieme alle attività online hanno tenuto il gruppo unito: non ci siamo lasciati, non ci siamo mai sentiti soli.
I membri di questa nostra Associazione, che ormai molto somiglia ad una grande famiglia, hanno dimostrato una volta in più un forte spirito di gruppo oltre al grande amore e rispetto per ciò che li unisce: la Musica.

In questo periodo di lockdown siete stati aiutati da Enti o persone per il vostro grande impegno e lavoro non solo scolastico, ma anche musicale, educativo ed artistico?

Si: per primo ringrazio tutti i Membri dell’Associazione che tra Banda, Coro, junior Band e Young Band ormai sfiorano le 100 unità. Ringrazio ancora una volta il Comitato di Gestione e le Istituzioni che ci sostengono: l’Amministrazione Comunale della Sindaca Gentili, il nostro Assessore di riferimento e vicesindaca Zorani, tutte le Forze dell’Ordine e Associazioni impegnate nella sorveglianza nei giorni delle nostre manifestazioni e tutti gli Uffici che ne consentono la realizzazione attraverso l’attuazione dei piani sicurezza, oltremodo aggravati dall’emergenza. Non posso poi dimenticare di ringraziare tutta la cittadinanza che ci segue sempre con orgoglio e affetto.
Infine ci corre l’obbligo ed il piacere di ringraziare l’Assessorato alla Cultura e alla Politiche Giovanili della Regione Lazio per il patrocinio.

Al Maestro Federico Cecchini, direttore artistico della Banda Musicale Corbium, a tutti i Membri dell’Associazione, costituita da vari settori, i nostri veri e reali complimenti per il grande lavoro che svolgono non solo nel settore musicale, ma anche in quello educativo, che resterà sempre nel loro animo e in quello della popolazione.

MAESTRO CECCHINI ED ALLIEVI: SIETE VERAMENTE BRAVI!

 

Potrebbero interessarti anche...

Top