• Senza categoria

Rocca Priora. Arnaldo Michelini ha raggiunto la sua Regina dei Fiori, Natalia [Foto]

Nola FerramentaNola Ferramenta
Arnaldo, Natalia e Cristina nel loro Giardino Botanico di Rocca Priora

Arnaldo, Natalia e Cristina nel loro Giardino Botanico di Rocca Priora

ROCCA PRIORA (RM) – Arnaldo Michelini, l’artista che ha dato vita ai sassi creando opere meravigliose, da cui traspare il grande amore per la natura, ha raggiunto la sua adorata Natalia Migliorini, la Regina dei Fiori e del “Giardino Botanico”, che, loro, avevano creato intorno alla casa, dove regnavano anche due secolari alberi di castagno, alla cui ombra, ogni anno, oltre 100 amici, partecipavano alla “castagnata”.

La scomparsa di Natalia, avvenuta nel giro di pochi giorni, lo scorso anno, aveva segnato fortemente la vita di Arnaldo, considerando che erano vissuti sempre in stretta simbiosi, pur avendo un carattere diverso.

Quadro di Natalia Migliorini

Quadro di Natalia Migliorini

Natalia, che in gioventù era stata professoressa di pattinaggio artistico, e Arnaldo, funzionario in un Ente petrolifero, alla loro andata in pensione, da Milano si erano trasferiti ai Castelli Romani, e precisamente nella zona residenziale di Rocca Priora.
Tutte le piante più belle erano in mostra nel loro regno di Via Mediana. Era Natalia che curava i fiori, divenuti, per lei, fonte di opere meravigliose. Infatti, gli esemplari più belli li essiccava per creare lavori artistici particolari e unici nel loro genere. Tra questi ricordiamo: il “Calendario floreale”, realizzato con i fiori di ogni mese, e quello dedicato ai fiori delle “Quattro stagioni”, e c’erano, poi, fiori anche per i “segni zodiacali”. Ma, a volte, nei suoi quadri accompagnano i fiori anche frasi di grandi personaggi, tra cui quelle di Madre Teresa di Calcutta.Le opere di Arnaldo avevano, invece, una concretezza particolare, data dai sassi raccolti nel corso delle loro escursioni sia in montagna che al mare. Arnaldo assemblava, come ha scritto Gianluigi Piccioli, “questi materiali spontanei – lavorati dal vento, dall’acqua e dagli agenti chimici – dai quali creava opere nate dalla sua immaginazione”.

Sculture Arnaldo Michelini

Sculture Arnaldo Michelini

In vero, Arnaldo creava figure prevalentemente dedicate alla maternità. Queste opere erano di piccole e grandi dimensioni, spesso assemblate con sassi di diversi colori, come si evidenzia dalla visione delle stesse. E, se pur realizzate da materia inanimata, uscivano dalle sue mani vive, e portatrici di un messaggio d’amore proveniente dalla natura.

Ma, Arnaldo e Natalia, al termine del loro viaggio terreno, hanno, certamente, trovato ad accoglierli la loro figliola Cristina, artista anche lei, scomparsa, ugualmente, qualche anno fa. Al figlio, professor Luca, specialista in Medicina dello Sport, alla nipote e ai familiari tutti, in questo triste momento, il pensiero e l’abbraccio affettuoso degli Amici di Rocca Priora, dei Castelli Romani, di Roma e del Piemonte, e la certezza che il ricordo di Arnaldo e Natalia resterà sempre nei loro cuori.

Luciana Vinci

 

Potrebbero interessarti anche...

Top